Posts Tagged ‘Raccolta firme’

Una firma contro la casta: domenica mattina a Villafranca ZeroPrivilegi Veneto

29 settembre, 2012

A Villafranca banchetto
DOMENICA 30/9/2012 DALLE 9:30 ALLE 13
in Piazza Duomo: VI ASPETTIAMO!

Dallo scorso aprile in tutto il Veneto è in corso una campagna di raccolta firme a sostegno di unaproposta di legge popolare per iniziare, anche in Veneto, a dare dignità ad una politica oramai priva di ogni credibilità nei confronti dei cittadini.
Sabato 29 e domenica 30 settembre 2012 ci sarà ancora la possibilità per i cittadini veronesi di dare il loro contributo per dare un forte segnale al Consiglio Regionale del Veneto finalmente sotto i riflettori dell’opinione pubblica nazionale.
Ci saranno banchetti a Verona sabato mattina 29/9 al mercato dello Stadio e domenica mattina 30/9 in via Roma (MoVimento 5 Stelle Verona), a Villafranca in piazza Duomo (Meetup Grillo per Villafranca) e a San Giovanni Lupatoto sul viale pedonale di piazza Umberto (MoVimento 5 Stelle S.Giovanni Lupatoto).
Il comitato promotore, composto da consiglieri del M5S e componenti dei Meetup degli Amici di Beppe Grillo, ha elaborato un testo di legge per eliminare privilegi di casta, privilegi che anche in Veneto stanno finalmente emergendo all’opinione pubblica: dimezzamento dell’indennità di consigliere regionale, eliminazione delle diarie e dei rimborsi spesa forfettarilimitazione dei rimborsi spese a piè di lista per le sole attività istituzionali (no campagna elettorale, no autostrada gratis, no cene con elettori, no convegni di partito), rimborsi a km per uso auto propria con tabelle ACI per auto media cilindrata con disincentivo a favore dei mezzi pubblici, stop a auto e barche blu eassegnazione dei mezzi esistenti ai Comuni per servizi socio-assistenzialistop da subito ai vitalizistop da subito a indennità di fine mandato, obbligo di rendicontazione e dettagliata sul web di ogni utilizzo di fondi pubblici.
Le firme raccolte saranno portate entro il prossimo 11 ottobre 2012 al Consiglio Regionale del Veneto. Con la presentazione della proposta di legge regionale di iniziativa popolare ZeroPrivilegi Venetoinizia un percorso di analisi dei costi della Regione Veneto e trasparenza dell’utilizzo dei soldi pubblici:è in preparazione una nuova iniziativa per fare chiarezza sull’ammontare dei fondi ai gruppi consigliari e sul loro utilizzo. Ad oggi non esiste nessuna trasparenza su questi fondi e solamente le inchieste della magistratura stanno in questi giorni facendo emergere (con i casi del Lazio, della Campania e del Veneto) l’urgenza e la gravità dello sperpero di risorse pubbliche ai danni dei cittadini e delle istituzioni democratiche.

Verona, 26/9/2012

Comitato Promotore ZeroPrivilegi Veneto
sito: www.zeroprivilegiveneto.org
email: info@zeroprivilegiveneto.org
twitter: @ZeroPrivVeneto
facebook: ZeroPrivilegiVeneto

Cerca le differenze tra due sindaci del centro destra veronese

5 febbraio, 2011

AGGIORNAMENTO: Articolo su L’Arena di oggi

Vi proponiamo un gioco: “Cerca le differenze tra due sindaci del centro destra veronese“.

Gli indizi:

Villafranca di Verona, 26/1/2011:

Raccolta di firme per dire no alla «cittadella» del Chievo

[Il sindaco Mario Faccioli risponde alla petizione del Comitato per il Parco Urbano del Tione che vuole piantare alberi invece che trasformare il parco nella cittadella del Calcio Chievo]: (…) se vogliono che mettiamo, al loro posto, 500 piante, i promotori della raccolta di firme se lo possono scordare. L’obiettivo di valorizzazione dell’area c’è, ma dico no a dei parchi che poi si trasformerebbero in aree degradate. Deve essere una zona ricreativa, non ha senso mettervi solo piante. Se qualcuno vuole un “Central park” in città se lo scordi: lì non è fattibile. Bisogna pensare anche agli oneri, che deriveranno dalla gestione della superficie. Il parco deve costituire un’opportunità sociale, e il nostro è un progetto ambizioso».

San Giovanni Lupatoto, 4/2/2011:

In arrivo seimila piante il nuovo polmone verde

«Il nuovo piano verde di San Giovanni Lupatoto prevede la sistemazione di 6000 essenze, tra piante ad alto fusto, siepi e arbusti, che riqualificheranno molte aree pubbliche. Gli spazi verdi, rifatti o completati, saranno messi a disposizione della popolazione.
Gli interventi hanno lo scopo di migliorare la qualità dell’aria e insieme di rendere più gradevole l’arredo urbano», spiegano il sindaco Fabrizio Zerman e il presidente della Consulta per l’ambiente di San Giovanni Lupatoto Roberto Facci.

[da VeronaSera]: “L’amministrazione comunale intende offrire alle famiglie lupatotine luoghi in cui svagarsi – ricreando anche qualche esempio dell’antico bosco planiziale della pianura padana – pur essendo San Giovanni Lupatoto uno dei paesi della cintura metropolitana ad Est di Verona conosciuto per le numerose imprese industriali e artigianali e per le tante strade e tangenziali da cui è attraversato”.

Avete risolto il giochino? Non ancora? Aggiungiamo un “aiutino“:

Consiglio comunale di Villafranca del 25/1/2011: si discute di aeroporto e di impatto sulla città di questa infrastruttura; dal liveblogging della seduta:

Sindaco Mario Faccioli: “O l’aeroporto è una possibilità di sviluppo o è una devastazione”

Consigliere (di maggioranza) Lucio Cordioli: “Da qualche decennio questa infrastruttura pone dei problemi di inquinamento e dei vincoli alla città”, “La nostra città deve far sentire la nostra voce: non solo oneri a Villafranca”

Avete intuito che ci sono delle differenze tra gli stili tra il sindaco di Villafranca e di San Giovanni Lupatoto ma non avete ancora le idee chiare? Avete trovato le differenze e volete continuare a dire la vostra insieme aggiungendovi ad oltre 400 cittadini villafranchesi?

DOMENICA 6 FEBBRAIO

continua la raccolta firme per la petizione
promossa da Comitato Parco Urbano del Tione:

Piazzale della chiesa
di Madonna del Popolo

dalle ore 9 alle ore 12:30
dalle ore 16:30 alle ore 18

REFERENDUM “Acqua bene comune”: raccolta firme a Villafranca

30 aprile, 2010

1.276 firme a Verona, 100.000 in tutta Italia in 48 ore!

Parte alla grande la raccolta firme per il referendum per l’acqua pubblica

Il 24 aprile 2010 è iniziata la raccolta firme! Durerà fino al prossimo mese di luglio: obiettivo 700.000 firme in tutta Italia!

Gli Amici di Beppe Grillo di Villafranca e di Vigasio aderiscono al Comitato Veronese promotore dei referendum (http://www.acquabenecomuneverona.org).

A partire dal prossimo weekend saremo in piazza per la raccolta firme insieme a tutti i gruppi e alle associazioni che hanno aderito all’appello.

– Sabato 1/5/2010

Alpo (Villafranca) ore 10:30-13 – Circolo Noi
Vigasio
ore 15-18 – mercato

– Domenica 2/5/2010

Villafranca ore 9:30-13 piazza Duomo
Vigasio ore 9:30-12:30 – piazza chiesa

– Mercoledì 5/5/2010

Villafranca ore 10-12:30 mercato

– Sabato 8/5/2010

Dossobuono (Villafranca) ore 9:30-13 mercato

Domenica 9/5/2010

Villafranca ore 9:30-13 e 14:30-18:30 piazza Duomo

Per conoscere dove trovare i banchetti organizzati in tutta la provincia di Verona collgatevi al blog del Comitato Acqua Bene Comune di Verona.

Vi aspettiamo!

A Vigasio sono “timidi”, a Nogara un po’ “superficiali” e a Valeggio…

12 maggio, 2009

In questi ultimi mesi abbiamo frequentato varie realtà della nostra provincia: partendo dal consiglio comunale di Villafranca, dopo aver ascoltato la discussione sulle osservazioni al progetto Motorcity, abbiamo deciso di approfondire il tema partecipando ai consigli comunali di Vigasio. Poi abbiamo saputo che a Nogara non si potevano filmare per “futili motivi” i consigli comunali e abbiamo trovato nuovi amici (Mirko di NogaraOnline e tutta la banda del comitato). Siamo stati anche a Sommacampagna per approfondire il problema delle discariche, a Povegliano a seguire la delibera sull’acqua pubblica; a San Giovanni Lupatoto per la battaglia contro l’inceneritore di Cadelbue a favore di una gestione a freddo dei rifiuti.

Lo scorso sabato 2 maggio eravamo impegnati nel convincere centinaia di veronesi a dare fiducia con la loro firma alla nostra nuova lista civica provinciale. Eravamo con il nostro gazebo e i nostri volantini al mercato dello Stadio di Verona. Nello stesso momento eravamo anche a Valeggio, al mercato. E cosa scopriamo dietro la “porta di casa”? Che a Valeggio una ordinanza del 2002 impedisce di “disturbare il commercio” con banchetti e raccolte firme non solo di tipo politico, ma anche ad associazioni e comitati (compresi gli amici del Comitato che vuole salvaguardare il Monte Mamaor).

Questa situazione, critica per la nostra necessità di raggiungere le 500 firme minime per presentare la lista, ci è sembrata di una tale gravità da non poter passare inosservata agli occhi degli organi competenti, ma soprattutto dei cittadini. La nostra denuncia ha fatto “riflettere” l’attuale giunta di Valeggio (prossima al voto, tra l’altro).

Non abbiamo vinto noi, ma tutti i cittadini e le regole della nostra democrazia.

Ecco l’articolo su L’Arena di domenica:

L’Arena – Domenica 10 Maggio 2009 – PROVINCIA Pagina 32

VALEGGIO. Nuove disposizioni dopo la protesta del gruppo Verona Provincia Virtuosa al quale era stata negata l’occupazione di suolo pubblico per una raccolta firme

Sì alla campagna elettorale al mercato – Riunione con il sindaco dopo lo stop imposto agli esponenti di una lista – Spazi concessi a rotazione

Prima la campagna elettorale è stata vietata al mercato del sabato. Ieri, il dietrofront. È stata necessaria una riunione per mettere a punto le regole dopo un episodio avvenuto sabato 2 maggio, quando agli esponenti di una lista che corre per le provinciali non è stato concesso il permesso di occupare il suolo pubblico con un banchetto. A prendere la decisione di consentire la propaganda, invece, è stato il sindaco, Albino Pezzini, dopo un incontro con i rappresentanti delle liste che parteciperanno alle comunali. Alla fine, ha deciso che saranno individuati degli spazi appositi nel mercato, utilizzati a rotazione. Alla domenica invece, quando le vie del centro saranno occupate da varie manifestazioni, la propaganda elettorale si svolgerà nelle vicinanze. «Lo abbiamo fatto», dichiara Pezzini, «per garantire a tutti lo spazio necessario, andando al di là del regolamento del mercato (che risale al 2002) il quale impedisce un utilizzo diverso dell’area». Che ci fosse il divieto lo hanno scoperto alcuni attivisti della lista civica provinciale “Verona provincia virtuosa” ai quali sabato 2 maggio era stata negata la concessione dello spazio. Il giorno successivo hanno redatto un esposto-denuncia contro il comandante della polizia urbana ed il sindaco di Valeggio «per aver impedito una pubblica sottoscrizione per la campagna elettorale provinciale 2009» e lo hanno inoltrato al prefetto e alla procura della Repubblica. «Il comandante della polizia municipale», racconta Elia Di Giovine, promotore della lista in questione, «m’aveva fatto sapere da un suo subalterno che non era possibile raccogliere le firme al mercato. Sabato sono andato comunque a Valeggio per volantinare davanti al municipio e per chiedergli spiegazioni. Così m’ha confermato che c’è un regolamento comunale che vieta di concedere spazi nel giorno di mercato». Giovanni Tratta, comandante della polizia municipale, spiega: «Non ho avuto nemmeno il tempo di rispondere a una richiesta d’occupazione del suolo pubblico che ho visto solo quella mattina. La norma poi prescrive che queste richieste siano fatte tre giorni prima. Finora il regolamento comunale del mercato impediva lo svolgimento di attività diverse. Lo scopo era anche di evitare che nell’area vi fosse un proliferare di richieste di ogni tipo». Il secondo comma dell’articolo 3 del regolamento mercatale recita: «Nel mercato possono operare solamente commercianti su aree pubbliche in possesso della prescritta autorizzazione e gli imprenditori agricoli» Questo comma ha prodotto negli ultimi mesi un divieto sostanziale anche ad associazioni di volontariato, con alcune eccezioni (hanno trovato spazio la Lega, Forza Italia e la minoranza consiliare). «Lunedì metteremo in pratica», afferma Tratta, «questa nuova organizzazione degli spazi».A.F.

Carlo Reggiani

PS: Torneremo presto a Valeggio con nostri volantini!

V2DAY RELOADED!

12 maggio, 2008

V2day Logo

Da oggi è possibile andare a firmare per i 3 referendum abrogativi “LIBERA INFORMAZIONE IN LIBERO STATO” nei comuni di Villafranca (municipio e delegazione di Dossobuono), Mozzecane, Valeggio, Pescantina, Bussolengo.

ATTENZIONE: Possono andare a firmare anche i cittadini di altri comuni sia della provincia di Verona sia di altre province/regioni.

Anticipo che DOMENICA 1 GIUGNO 2008 saremo ancora in piazza a Villafranca per raccogliere le firme. Stiamo organizzando il banchetto. Se volete darci una mano contattateci!

Domenica 1 giugno consegneremo anche le magliette prenotate il 25 aprile. Contattateci per averne altre.

In piazza

20 aprile, 2008

ULTIM’ORA: Abbiamo il certificatore per tutta la provincia di Verona! Saremo davanti al Castello Scaligero con gazebo, audio, multimediale, internet!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: