Posts Tagged ‘Discarica Caluri’

L’Acqua una risorsa, una stella da valorizzare!

19 maggio, 2009

goccia

L’acqua è una risorsa fondamentale, bere l’acqua che esce dal nostro rubinetto è un diritto  e un esempio di virtuosismo per il cittadino.

Vogliamo togliere tutte queste bottiglie di plastica, inanzitutto per ridurre i rifiuti, ma anche per mandare un messaggio chiaro ai nostri “dipendenti”: ancora una volta vogliamo che i controlli funzionino! Chiediamo trasparenza e informazione non solo a parole ma con i fatti! Vogliamo le analisi nella nostra bolletta e pretendiamo che Acque Veronesi ci tenga aggiornati sui dati in maniera approfondita e tempestiva anche attraverso il sito internet visti i tanti controlli che vengono fatti (40.000 all’anno), ma ad oggi abbiamo ancora i dati del secondo semestre 2008.

Dispiace vedere che i nostri “dipendenti” nei consigli comunali incentivano l’uso dell’acqua in plastica, invece di dare il buon esempio. Come possiamo dire beviamo la nostra acqua perchè è buona e controllata e poi presentarci ai cittadini in questo modo? Come possiamo essere credibili se non estendiamo il porta a porta su tutta Villafranca, salvaguardando l’immenso patrimonio che proviene dalle nostre terre. Ridurre i rifiuti, riciclare vuol dire rispettare il nostro territorio e creare le condizioni perchè non nascano nuove discariche, non  si incentivi l’attività di incenerimento e si alimenti un clima generale di responsabilità nei confronti delle nostre generazioni future.

Oggi apprendiamo dell’interpellanza presentata sulle analisi condotte nel comune di Sona,  Villafranca è gia stata oggetto più volte di pericolosi avvenimenti per ciò che riguarda l’inquinamento dell’acqua, non dobbiamo dimenticare il pericolo di atrazina che abbiamo avuto all’Alpola perdita di una cisterna di gasolio del Consorzio Agrario Lombardo Veneto nonchè  la famosa discarica di Caluri tanto per fare qualche esempio.

Nell’ultima puntata di Report è stato trattato anche l’inquinamento dell’acqua dovuto a nitrati presenti sia per la concimazione, che per i pesticidi impiegati nel territorio agricolo, citando Verona come caso estremo per l’intero territorio nazionale.

Cosa stiamo aspettando per tutelare un nostro diritto? Dopo la discarica vogliamo arrivare a un consiglio straordinario anche per l’acqua!

il 6/7 Giugno torneremo a votare per provinciali ed europee, pensiamo bene a chi deleghiamo le nostre scelte con il nostro voto, perchè stiamo decidendo il nostro futuro

Simone Bernabè.

PS: Oggi è stata pubblicata su BUR della Regione Veneto la delibera di approvazione della discarica di Caluri con allegata la relazione della commisione VIA. A voi i commenti.

Ci stanno consumando il futuro! Costruiamo insieme una Provincia a 5 Stelle

18 maggio, 2009

discariche

AGGIORNAMENTO (19/05/2009): Uscita delibera di approvazione discarica Caluri

AGGIORNAMENTO (19/05/2009): “battesimo” televisivo per la Lista Verona Provincia Virtuosa e il candidato presidente Carlo Reggiani a Buongiorno Verona – Telearena. Intervista a Carlo Reggiani su L’Arena

Villafranca è stata e sembra destinata a rimanere territorio da saccheggiare con la “coltivazione di nuove cave”, da riempire poi con rifiuti speciali e i cosiddetti “inerti”, magari come quelli che giacciono a contatto con la falda a Caluri.

Ma non solo,  a Villafranca  quanti impianti di recupero “rifiuti” esistono che non conosciamo? Forse più di quelli che pensiamo,  ci fà piacere questa grande sensibilità, ma ciò che ci preoccupa maggiormente è il fatto che queste attività non stiano lavorando in regola con la “normativa vigente“, perche sul sito della regione si trovano molte diffide in tutto il territorio veronese.

E’ cosi difficile rispettare le leggi imposte? Quello che mi viene da pensare  è che per fare queste attività occorre disporre di tanti soldi, che non tutti sono disposti a spendere.

Tempo fa ci siamo occupati di quella struttura che poi abbiamo battezzato come “Ecomostro”, la ditta Colfer di Cobelli Roberto, che ha un impianto di raccolta e riciclo di materiale ferroso ai Coronini e che ha costruito una nuova grande struttura a Villafranca in via Sommacampagna. Di cosa ci siamo lamentati in quel caso? Visto il curriculum che la provincia ci ha messo a disposizione, qualche preoccupazione penso sia stata legittima e in ogni caso la struttura con una simile altezza non è proprio un gran bel vedere da qualsiasi punto di Villafranca. Per adesso la ditta è disposta ai sigilli, anche se nessuno penso ha la speranza che venga spostata o modificata, è solo questione di tempo, vista anche l’espansione in quella direzione che la zona industriale vuole prendere.

In questi giorni abbiamo cercato  informazioni sul sito della regione relative alla delibera sulla nuova discarica di Caluri e ci stiamo accorgendo che sono stati approvati diversi VIA (Valutazioni di impatto ambientale):

Discarica Ca’ Bianca di ZevioSiberie di Sommacampagna, Torretta di Legnago.

Con l’approvazione della regione, verrà riaperta la discarica di Caluri e questo ci lascia molto perplessi, specialmente per il fatto che la scelta è stata motivata dalla sicurezza che avremo in questa nuova cava/discarica. Si è detto più volte:  l’importante è che i controlli ci siano e funzionino e su questo la passata esperienza con la discarica Bastian Beton non ci ha lasciato un bel ricordo.

Ora, il fatto che sia stata approvata la discarica in un luogo cosi fragile dal punto di vista ambientale e vicino a dei lotti non ancora bonificati, considerato anche il fatto che poco distante sta per essere aperta la discarica delle Siberie e che il nostro territorio si trova a valle rispetto a Sommacampagna, non ci rende affatto tranquilli.

Chiediamo chiarezza sulle scelte per il nostro territorio e trasparenza sulle modalità con le quali vengono prese le decisioni:  le recenti deliberazioni prese hanno dimostrato come venga ignorato il dissenso di un intero consiglio comunale e di tanti cittadini che sicuramente conoscono meglio le problematiche del loro territorio!

E’ democrazia questa? Può questa gente rappresentarci? Ma la cosa che più ci preme dire è il 6/7 Giugno torneremo a votare per provinciali ed europee, pensiamo bene a chi deleghiamo le nostre scelte con il nostro voto, perchè stiamo decidendo il nostro futuro.

Simone Bernabè

Convocazione urgente Consiglio Comunale

27 aprile, 2009

AGGIORNAMENTO (29/04/2009): la nuova discarica di Caluri è stata approvata dalla Regione Veneto! A breve il post con i nostri commenti sulla vicenda.

AGGIORNAMENTO (28/4/2009): Testo della mozione votata dal consiglio

AGGIORNAMENTO (28/4/2009): Domani mercoledì 29/4 l’ufficio elettorale del Comune di Villafranca rimmarrà aperto tutto il giorno dalle ore 8 alle ore 20. Vi invitiamo ad andare a firmare per la presentazione della Lista Civica VERONA PROVINCIA VIRTUOSA! Ulteriori informazioni sul blog della lista

Oggi lunedi 27/04/2009 dalle ore 21:00 è convocato un consiglio comunale urgente a Villafranca.

Saremo presenti con la diretta in streaming sulla nostra webtv: tornate a trovarci su questa pagina a partire dalle 21:00:

QUI A BREVE IL VIDEO INTEGRALE DELLA SERATA

[blip.tv ?posts_id=2065677&dest=-1]

[blip.tv ?posts_id=2065020&dest=-1]


Questo l’ordine del giorno:

INIZIATIVE PER SCONGIURARE L’APPROVAZIONE DA PARTE DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO DELLA DISCARICA DI CALURI.

Come sempre il nostro invito a partecipare con noi alla seduta del consiglio!

Doppio appuntamento: Autodromo e Discarica Caluri

26 aprile, 2009

Lunedì 27 aprile saremo presenti a due appuntamenti concomitanti.

La “politica” prova a confrontarsi con i cittadini su due questioni che ci stanno molto a cuore: Motorcity e discarica di Caluri.

Sul progetto Motorcity abbiamo recentemente assistito a scene di equilibrismo in consiglio provinciale in occasione del voto sulle infrastrutture di collegamento all’impianto. Il voto è stato usato per dare dei “segnali” agli alleati da parte di Lega ed ex AN (il nostro sindaco ha tenuto banco per tutta la seduta!). Le decisioni riguardanti una aggressione senza precedenti al nostro territorio e al nostro stile di vita (20-25 milioni di visitatori all’anno, 25.000 abitanti in più in una zona che ora è completamente agricola) vengono utilizzate dai nostri dipendenti esclusivamente come palcoscenico per i loro atti di forza, per regolare alleanze e definire assetti in previsione delle prossime elezioni.

Un’altra gravissima ferita, questa volta nel nostro territorio comunale, sembra non insegnare nulla alla “politica”: la prossima settimana a Venezia la commissione VIA darà il suo consenso definitivo alla riapertura della discarica di Caluri. Ora che l’evidenza dell’incapacità dei nostri amministratori di compiere il loro dovere in difesa del NOSTRO territorio e della NOSTRA salute è alla luce del sole, le minoranze (che sono state anche maggioranze con relative responsabilità) hanno ottenuto la convocazione di un consiglio comunale straordinario. L’imbarazzo dei nostri amministratori è evidente e ben documentato da Fabio Tomelleri su L’Arena di oggi. Saremo presenti anche per avere delle risposte alle nostre ripetute istanze (prima e seconda), da mesi chiuse in qualche cassetto degli ufficio comunali.

– A Isolalta di Vigasio (VR) gli indipendenstisti Veneti ci hanno invitato a partecipare ad un dibattito pubblico dal titolo “A che punto è il progetto del Motorcity e quale sarà l’impatto sul territorio?”. Alla serata parteciperà Cesare Nicolis (minoranza consiglio comunale di Vigasio), due consiglieri regionali (Bonfante e Cancian), consiglieri comunali e provinciali. Dettagli sul nostro meetup.

– A Villafranca consiglio comunale straordinario sulla discarica di Caluri: il consiglio è stato richiesto dalle minoranze consigliari, su sollecitazione del comitato contro la discarica. Dettagli sul nostro meetup.

PS: stiamo iniziando una nuova avventura! CI SERVE ILTUO AIUTO!!!

Piano regolatore, questo inutile strumento

16 ottobre, 2008

Una domanda mi sono sempre fatto vedendo nuove lottizzazioni nascere, interi complessi residenziali crescere, magari nei posti meno indicati per vivere in un ambiente sano, con servizi poco adeguati in termini di trasposto pubblico, infrastrutture, asili e scuole, farmacie, esercizi commerciali, centri sociali e ricreativi.

Durante la campagna elettorale, distribuendo i nostri volantini, abbiamo potuto visitare bene anche Caluri: nella frazione, schiacciata tra la pista dell’aeroporto, la base militare e la famosa discarica, negli ultimi mesi era nato un intero quartiere residenziale, con alcune abitazioni ancora da consegnare.

Durante la serata organizzata lo scorso 9 ottobre dal Comitato anti-discarica, ho potuto rivolgere quella domanda direttamente all’ex-sindaco Luciano Zanolli:

[blip.tv ?posts_id=1368243&dest=-1]

Zanolli mi ha risposto.

[blip.tv ?posts_id=1368334&dest=-1]

lo si dovrebbe chiedere principalmente a chi mi ha preceduto“, “Nel 2004 c’era una una pietra tombale sulla questione discarica“…

Ma ecco il grande responsabile: “il piano regolatore è del ’94 e nel ’94 c’erano realtà completamente diverse“.

E il nostro attuale sindaco? Dopo aver disertato la serata a Caluri, per coincidenza mi risponde dalle pagine de L’Arena del 14/10/2008 in un articolo sull’inquinamento da rumore provocato dall’aeroporto Catullo: scopriamo che solo ora la nostra amministrazione si sta muovendo, in ritardo di ben 14 anni rispetto alla leggere Regionale del ’94 che imponeva una variante urbanistica al nostro fantomatico piano regolatore per individuare e tutelare le fasce di rispetto nei confronti del rumore prodotto dai velivoli.

Il piano regolatore è vecchio, inutile, superato. Un caso o una scelta politica ben precisa? I cittadini di Villafranca forse meritano qualche risposta.

Carlo Reggiani

PS: Leggete su L’Arena del 14/10/2008 e del 15/10/2008 la situazione dell’inquinamento da rumore e dell’aria provocato dall’aeroporto. Finalmente(!) qualcuno se ne è accorto.

Riunione Comitato di Caluri in collaborazione con Lega ambiente.

12 ottobre, 2008

Giovedi 9 Ottobre a Caluri è stata fatta una riunione molto importante per fare il punto sulla discarica di Caluri a cui sono stati invitati anche il sindaco e l’assessore all’ambiente nonchè gli assessori regionali ma non si è presentato nessuno.

Erano presenti invece i consiglieri Tovo e Zanolli e per la maggioranza il consigliere Residori Arianna.

Per ora è presente solo la prima parte in arrivo anche la seconda.

(Per caricare il video cliccare all’interno della webtv sul pulsante “on demand”

Vi lascio al video integrale:

Vodpod videos no longer available.

La regione non sente, la provincia non vede, il comune non parla

2 settembre, 2008

Arrivano poche informazioni, ma soprattutto confuse, la chiarezza la trasparenza che chiedevamo per noi cittadini sta piano piano sfumando nel marasma più completo. Cosa stiamo percependo delle intenzioni della nostra amministrazione?

I giornali scrivono, riportano dichiarazioni e a noi rimane in bocca un pò di amarezza nel renderci conto che i nostri dipendenti continuano a rassicurarci su tutto, ma nei fatti siamo sempre al punto di partenza o peggio andiamo indietro!

Iniziamo allora dai rifiuti: stiamo aspettando, portando pazienza (come ci chiese l’assessore Adami mesi fa), ma dell’estensione del porta a porta su tutto il territorio comunale non c’è traccia. Questa decisione è rimasta in sospeso, per non dire che è stata abbandonata. Invece non si perde tempo a riaprire le discariche: dalla nostra famosa discarica di Caluri, a quella fuori dal nostro territorio, ma fondamentale per i nostri rifiuti, di Torretta di Legnago (c’è un progetto per ampliarla), passando per  la bonifica  e il dissequestro della discarica di “Ca Filissine” per permetterne la riapertura in barba alle decisioni del consiglio comunale di Pescantina. E poi non dimentichiamoci di Cà Del Bue che è sempre più alle porte.

Di ritorno da Vedelago abbiamo proposto un progetto all’assessore Adami per rendere più economica la gestione dei rifiuti ai cittadini attraverso un porta a porta spinto e la realizzazione di un centro di riciclo nel nostro territorio: si diminuiscono i rifiuti da conferire in discarica, si aumenta la raccolta differenziata e gli introiti per i cittadini e per il comune attraverso il ricavato ottenuto dal materiale riciclato (magari con delle isole ecologiche gestite come fa Sommacampagna – qui sotto il confronto con l’Alpo).

E oggi cosa scrivono i giornali? Che l’amministrazione di Villafranca insieme a quella di Povegliano, è andata a Pavia ad imparare come si bruciano i rifiuti. Non conosciamo in dettaglio in cosa consista il mirabile impianto di Pavia (stiamo approfondendo in queste ore),  ma di una cosa siamo certi: incenerire i rifiuti oltre che antieconomico (si valorizza solo se c’è l’incentivo statale del famigerato CIP6) è dannoso per la salute dei cittadini.

E come siamo messi con la gestione di rifiuti nel nostro territorio? La situazione nei dintorni del nostro comune è messa sempre peggio: non so se avete visto cosa finisce nei cassonetti, per non parlare di cosa rimane abbandonato fuori.

Sempre dai giornali leggiamo le dichiariazioni degli assessori, il progetto del Parco del Tione da quello che sappiamo, si sta esaurendo: al suo posto verrà creato il nuovo polo scolastico. Ad oggi però abbiamo solo eliminato l’importante isola ecologica di Villafranca gestita degli Alpini.

Continuiamo a fare progetti per le aree verdi che restano sulla carta. I cittadini si accontenterebbero di averne  anche poche, ma ben curate e usufruibili: se avete fatto un giro lungo il Tione e intorno al castello potete rendervi conto con i vostri occhi di cosa stiamo parlando.

Per non parlare dei fossi nelle vicinanze delle risorgive del “Fontanin” che sembra ormai in uno stato di abbandono totale.

L’esigenza di nuove scuole d’infanzia non è prioritaria” si legge ancora sulla stampa nelle dichiarazioni dei nostri dipendenti (stanno rispondendo alla nostra istanza in materia?): “la priorità sono i parcheggi del futuro Magalini”, proprio ora che non abbiamo la certezza che verrà ripristinato e da quello che leggiamo devono ancora decidere con quante gambe deve stare in piedi la nostra sanità!

Attendiamo documenti ufficiali, a partire dal programma della nuova amministrazione (i 150 giorni previsti dalla legge stanno per scadere) . E attendiamo le risposte ufficiali alle nostre istanze. Magari in consiglio comunale: noi ci saremo!

PS: Sandrini ci ha dato l’ispirazione per il titolo, dal suo sito www.vivicaselle.eu


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: