Posts Tagged ‘Villafranca a 5 Stelle’

2010: Ripartiamo con le nostre Stelle. ACQUA

5 gennaio, 2010

AGGIORNAMENTO (28/01/2010): Acqua pubblica il XVI Municipio di Roma dice sì. Complimenti a Marco Giustini e a tutta la Lista civica Amici di Beppe Grillo di Roma

AGGIORNAMENTO (06/01/2010): da Il Fatto Quotidiano di oggi

La privatizzazione dell’acqua: Cinque Regioni dicono NO alla privatizzazione dell’acqua. E una della amministrazioni è pure di centrodestra! Piemonte, Toscana, Puglia e Liguria hanno annunciato di voler impugnare davanti alla Corte Costituzionale il decreto legge Ronchi sulla gestione dei servizi pubblici locali, tra cui l’acqua, mentre lAbruzzo ha usato un cavillo legale. La legge 166/2009 riguarda infatti i servizi di interesse economico e la Regione Liguria ha dichiarato l’acqua un servizio “privo di rilevanza economica”. E’ la prima Regione italiana amministrata dal centrodestra a votare   una delibera di questo tipo. Passateparola!

Al Signor Presidente del Consiglio Comunale
del Comune di Villafranca (VR)

e  p.c. Al Sindaco del Comune di Villafranca
All’Assessore all’Ecologia del Comune di Villafranca

Villafranca, 05 gennaio 2010

Oggetto: Interrogazione al Consiglio comunale, art. 21 dello Statuto comunale e all’art. 41 Regolamento – Modifica e integrazione dello statuto comunale, definizione dei servizi pubblici comunali privi di rilevanza economica.

Illustre Presidente Maurizio Facincani,

premesso

che nel consiglio di Dicembre 2008, firmatario il consigliere Massimo D’Alto, si era gia discusso e approvato all’unanimità di come l’acqua sia un bene prezioso e indispensabile che deve rimanere pubblico.

con la presente

si chiede

di proporre al Consiglio comunale le seguenti modifiche/integrazioni dello statuto comunale:

  • riconoscere il Diritto umano all’acqua, ossia l’accesso all’acqua come diritto umano, universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell’acqua come bene comune pubblico;
  • confermare il principio della proprietà e gestione pubblica del servizio idrico integrato e che tutte le acque, superficiali e sotterranee, anche se non estratte dal sottosuolo, sono pubbliche e costituiscono una risorsa da utilizzare secondo criteri di solidarietà;
  • riconoscere che la gestione del servizio idrico integrato è un servizio pubblico locale privo di rilevanza economica, in quanto servizio pubblico essenziale per garantire l’accesso all’acqua per tutti e pari dignità umana a tutti i cittadini, e quindi la cui gestione va attuata attraverso gli Art. 31 e 114 del dlgs n. 267/2000;

Con osservanza

Simone Bernabè, Ivo Mondini, Carlo Reggiani, Della Valle Giuseppe

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: