Posts Tagged ‘regione’

Un’agricoltura sostenibile e sociale

16 marzo, 2014

Slow Food, condotte di Verona e Valeggio, insieme alle Associazioni A.Ve.Pro.Bi. (ass. veneta produttori biologici e biodinamici), EcoAction e Aps Ergo che ringraziamo, hanno organizzato un convegno dedicato all’agricoltura biologica e sostenibile.

moderatore: Antonella Bampa, Fiduciario della Condotta Slow Food di Verona.

“Alimentazione e Salute: una agricoltura che produca buono, pulito e giusto”, con Daniele Degl’Innocenti, fiduciario della Condotta di Valeggio sul Mincio:

“Valorizzazione della produzione di prossimità e delle nuove filiere locali” con Il Presidente di A.Ve.Pro.Bi. Gan Domenico Cortiana:

“La nuova legge regionale sull’agricoltura sociale” con dott. Riccardo De Gobbi dirigente della Regione Veneto:

” Come costruire la convivenza tra un parco urbano e l’attività agricola: un percorso di interazione tra cittadini e istituzioni per ilParco Adige Sud a Verona” con Nico Cattapan dell’Università di Venezia IUAV:

“Percorsi per una Agricoltura Sociale” con il Presidente di Verona Ecoaction, Sandro Delaini:

La Regione continua a scavare

23 settembre, 2009

AGGIORNAMENTO (29/09/2009): Il nostro post ha avuto risalto sulla stampa locale – Articolo su L’Arena

Non è passato tanto tempo che l’Arena riportava questo articolo:

L’Arena 08/08/2009

Cave, otto richieste e soltanto un via libera

  • VILLAFRANCA. Unica autorizzazione da Venezia per il sito di Pezze Corte vicino all’aeroportoLa commissione regionale blocca anche l’ampliamento dell’impianto a Quaderni Il sindaco soddisfatto

Una ruspa nella cava di Quaderni

Un piano del Comune per limitare le nuove cave ed impedire lo scempio del territorio. Lo propongono il sindaco Mario Faccioli e il suo vice Alessio Adami, reduci dall’incontro a Venezia con la commissione tecnica regionale, convocata per valutare otto richieste di apertura di siti per lo scavo di sabbia e ghiaia nel territorio villafranchese. Il risultato della riunione a Venezia, per il Comune, è stato confortante. La commissione ha dato il via libera solo a un impianto, quello di Pezze Corte, vicino all’aeroporto. Ha sospeso il giudizio per altri due interventi: l’ampliamento della cava Quaderni, a ovest della frazione, e la realizzazione della cava Colombara, vicina alla località Colombarotto.
Sull’allargamento della Quaderni, proposto dalla Bastian Beton, la Regione vuole ulteriori verifiche di compatibilità con le norme ambientali. Per il sito della Colombara, progettato dalla Sartori Movimento Terra, sarà necessario un sopralluogo dei tecnici per valutare l’impatto sulla viabilità. Cinque le richieste bocciate: furono presentate, assieme alle altre, tra il 2003 e il 2006. La prima istanza respinta è quella della Bastian Beton di abbassare il fondo della cava Quaderni già aperta. La commissione, ha bocciato quattro nuovi siti, proposte da ditte diverse: Quaderni, Quaderni ovest, Morenica e Rosegaferro.
«Le cinque richieste sono state respinte perché i siti che le riguardano sono nell’area tutelata dalla variante al piano regolatore approvata nel 2003», osserva soddisfatto il sindaco, «quando ero assessore all’ecologia». In quell’occasione il Comune definì un confine che taglia trasversalmente il territorio villafranchese, dalla località Coronini fino ad Alpo, a sud del quale la zona è tutelata dal Piano d’area Quadrante Europa (Paqe), che vieta l’apertura di nuove cave.
«È stato raggiunto un risultato positivo anche su Pezze Corte», osserva Adami, «perché i lotti scavati verranno riempiti, man mano che si esauriranno, con materiale di riporto, evitando la trasformazione in discarica, com’è avvenuto, invece, in altri casi». Assieme ai tecnici regionali, il Comune calcolerà quanta superficie manca per raggiungere la soglia del 3 per cento del totale delle aree agricole comunali, oltre la quale non è possibile l’apertura di nuove cave. I nuovi impianti di scavo saranno disciplinati con il piano cave del Comune.
«Lo allegheremo al Piano di assetto del territorio (Pat)», rivela il sindaco, «e servirà ad individuare sul territorio un’area dove potranno insediarsi le ditte per le escavazioni, applicando poi il principio di ricomposizione ambientale. Non vogliamo che il nostro territorio si riduca a groviera». «Il piano servirà a risolvere in via urgente il problema della continua richiesta di aprire cave», spiega Adami, «e la zona di Quaderni è la più bersagliata. Il territorio è fragile dal punto di vista idrogeologico. L’area destinata alle nuove cave deve essere ancora definita. È una proposta su cui possono convergere i Comuni limitrofi , vincolando a loro volta delle zone. Il piano, nel rispetto di chi investe sul territorio, sarà rivolto soprattutto alla tutela del cittadino, al quale verranno fornite le giuste spiegazioni».
Sulla questione dell’ampliamento della cava di Quaderni è intervenuto Andrea Marani, presidente della sezione di Verona dell’Associazione nazionale costruttori edili (Ance). «Finalmente in provincia di Verona c’è la possibilità di aprire una cava per reperire materie prime per il nostro lavoro», ha detto, «e per questo vogliamo che tutto si svolga nel pieno rispetto delle regole: siamo i primi che non vogliono deturpare il territorio, ma salvaguardarlo. È fondamentale un tavolo di confronto coordinato dalla Regione per trovare un punto di incontro».

Intanto la Regione Veneto ha approvato la VIA e relativo ampliamento della cava “Colombarotto”, ancora una volta le decisioni prese da questo ente non tengono conto di quanto il territorio Villafranchese sia gia abbastanza martoriato, senza rappresentare chi dovrebbe avere maggiore voce in capitolo su queste decisioni in primis i cittadini che lo abitano e in secondo luogo il Comune.

PS: sembra che all’ecomostro di via Sommacampagna della ditta Colfer di Cobelli Roberto siano stati tolti i sigilli

L’assessore all’ecologia ci spiega come si abbatte l’inquinamento grazie al progetto MotorCity

14 novembre, 2008

highres_6298178

Mercoledi 12 Novembre 2008 abbiamo partecipato come gruppo all’incontro organizzato dal Partito Democratico a tema: “Motorcity, per noi abitanti a Vigasio, sarà sviluppo o solo smog con grave danno alla salute?“.

Su questo blog abbiamo già trattato diverse volte l’argomento: “Oggi ho ricevuto una lettera“, “Grilli al consiglio: operazione Vigasio“, “L’impotenza del sindaco” ,”Le parole sono importanti“, “Il potere dei sindaci” e “Motorcity“.

Il progetto MotorCity è oramai arrivato in porto: è imminente il parere (positivo, qui non ci saranno sorprese) della commissione regionale VIA (Valutazione Impatto Ambientale) per poi arrivare in giunta regionale per l’approvazione definitiva dei 4.5 milioni di metri quadrati di aree commerciali e ricreative.

Alla serata, con il consigliere Cesare Nicolis ed esponenti locali del PD, erano presenti anche amministratori e consiglieri regionali di Lega Nord, PD e PDL. Oltre alla novità della contrarietà della Lega Nord anche a livello regionale (annunciato il voto contrario al progetto in Giunta), abbiamo potuto ascoltare l’assessore all’ecologia Giancarlo Conta (Forza Italia), che si è fatto portavoce del presidente Galan.

Giancarlo Conta, dopo aver raccontato come il Veneto sia all’avanguardia in campo ambientale grazie al gasificatore off-shore e la mega discarica di Sant’Urbano, ci ha spiegato come il progetto MotorCity sia utile per diminuire l’inquinamento dell’aria! Ma lasciamo la parola all’assessore:

La perla più grossa del discorso dell’assessore al minuto 9:

(…) Bisogna garantire che questo posto sia accessibile… e poi non parlatemi di PM10! E’ un argomento che seguo da anni. E’ ovvio che se aumenta il traffico aumentano le polveri. Ma non è diminuendo il traffico che risolviamo il problema: è con gli interventi strutturali. Questo progetto ha tutte le caratteristiche delle costruzioni eco-compatibili. C’e’ tutta l’impiantistica… sono previsti i pannelli solari su tutte le coperture, fonti di energia alternative, tutti gli edifici sono di categoria B, il riscaldamento anche… Questi sono… ma voi sapete cosa inquina di più? Ovviamente il trasporto, il traffico; il riscaldamento inquina per il 42%… le nostre caldaie.. noi abbiamo ancora scuole ed edifici pubblici a gasolio: quelli inquinano! E poi le industrie e poi l’agricoltura. Queste sono le quattro voci… e si risolvono solo ed esclusivamente con interventi strutturali, non bloccando le macchine. (…) Non si risolvono i problemi eliminando il traffico. (…)

Infatti con il Motorcity non eliminiamo traffico, MA NE AGGIUNGIAMO IN QUANTITA’ DA METROPOLI!

Dopo questo discorso pensiamo ci sia poco da aggiungere. Per quanto ci riguarda, da questo blog cercheremo di fare informazione sulle reali dimensioni di questo assurdo progetto che in nome di non chiari interessi economici (Vigasio non è una zona depressa a livello occupazionale ed economico!) mette a rischio la salute di centinaia di migliaia di cittadini trasformando con violenza un’area rurale di pregio.

Vorremmo terminare con una domanda che ognuno di noi dovrebbe porsi: siamo proprio sicuri che la salute di tutti i cittadini e l‘impatto complessivo sul territorio dei comuni interessati da questo progetto (Vigasio e Trevenuolo, ma poi tutta la provincia di Verona e quelle di Mantova, Vicenza, Padova) siano stati inclusi nel piano finanziario di questo progetto?

Sulla nostra WebTV il video integrale della serata.

Vodpod videos no longer available.

Simone Bernabè – Carlo Reggiani

PS: tenetevi liberi per martedì sera!

Riunione Comitato di Caluri in collaborazione con Lega ambiente.

12 ottobre, 2008

Giovedi 9 Ottobre a Caluri è stata fatta una riunione molto importante per fare il punto sulla discarica di Caluri a cui sono stati invitati anche il sindaco e l’assessore all’ambiente nonchè gli assessori regionali ma non si è presentato nessuno.

Erano presenti invece i consiglieri Tovo e Zanolli e per la maggioranza il consigliere Residori Arianna.

Per ora è presente solo la prima parte in arrivo anche la seconda.

(Per caricare il video cliccare all’interno della webtv sul pulsante “on demand”

Vi lascio al video integrale:

Vodpod videos no longer available.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: