Posts Tagged ‘politiche’

Prima forza politica a Villafranca!

28 febbraio, 2013

grilloboom

CAMERA DEI DEPUTATI 26,1% 5118 VOTI!

SENATO 24,54%  4407 VOTI!

Francesca Businarolo candidata per Movimento 5 Stelle ci ringrazia e noi contraccambiamo. GRAZIE a tutte le persone che hanno contribuito a questo successo!

businarolo

E’ stata una campagna elettorale breve ma intensa, che ci ha regalato immense soddisfazioni. Un’esperienza che mi porterò nel cuore e della quale ringrazio tante persone. Ringrazio chi ha votato il Movimento 5 Stelle: a queste persone, che sono tantissime, esprimo il mio sincero e commosso grazie. Ringrazio il gruppo dei candidati veronesi e veneti: Vi ringrazio per il grande lavoro svolto insieme. Grazie ai delegati veneti e ai consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, che hanno autenticato le firme. Un grazie al mio compagno e alla mia famiglia, per avermi sopportato ed aiutato in questo periodo molto faticoso. Infine voglio che i complimenti, le congratulazioni e le strette di mano che sto ricevendo, arrivino a Te che hai raccolto le firme con il freddo e la neve, che hai lottato contro il tempo raccogliendo certificati e facendo autenticare firme. A Te che hai organizzato le serate di presentazione dei candidati nella tua città, che hai appeso i manifesti, volantinato e presenziato ai banchetti. A Te che sei stato rappresentante di lista. Grazie di cuore per tutto quello che hai fatto con impegno, passione e fiducia. Senza di te, questo risultato straordinario non sarebbe stato possibile.

L’ARTICOLO DI OGGI SULL’ARENA

VILLAFRANCA. L´onda elettorale del comico genovese investe anche la città. A fine maggio si voterà per le amministrative e i suoi amici tentano la scalata in municipio
Il boom di Grillo fa rotta verso il Comune
Maria Vittoria Adami
Seggi sbancati con percentuali oltre i dati nazionali Mondini: «Candidato sindaco scelto in assemblee» Pd, Pdl, Lega e civiche studiano le contromosse

E ora assalto al municipio. Il primo partito d´Italia ha sbancato a Villafranca, superando le medie nazionali, e punta dritto alla poltrona di primo cittadino. Il Movimento cinque stelle, concentrato in queste settimane sulle politiche, dove era candidato al Parlamento il villafranchese Ivo Mondini, rompe il riserbo sulle amministrative: i 5.118 voti conquistati domenica, su 20.157 votanti per la Camera, sono un buon motivo per assicurare che il 26 e 27 maggio ci sarà eccome.
M5S DA VERTIGINI. Il partito di Grillo a Villafranca si è assestato, alla Camera, al 26,1 per cento (in Italia al 25,55) e al Senato, con 4.407 voti, al 24,54 (il dato nazionale è 23,79). Ben 1.500 voti più indietro si è piazzato il Pd, con circa 3.700 sia alla Camera sia al Senato. Dietro ancora c´è il Pdl con 3.639 e 3.453 voti. Numeri da capogiro quelli del M5S: «Nel vederli abbiamo avuto le vertigini», racconta Mondini. «Considerando la base elettorale di Villafranca, è un risultato oltre le previsioni. Certo alle politiche i cittadini hanno dato un voto di cambiamento, riappropriandosi della voglia di fare, ma alle amministrative sarà diverso». A cominciare dalle modalità: dalle piazze e dai comizi con bagni di folla, si passerà alle assemblee: «Le organizzeremo aperte ai cittadini di frazioni e capoluogo, per farci conoscere e raccogliere sostenitori», spiega Mondini. «Completeremo la lista dei 24 candidati. Chiederemo la certificazione per l´uso del simbolo e infine indiremo una riunione tra gli attivisti per eleggere il candidato a sindaco, che sarà il portavoce in consiglio comunale delle istanze dei cittadini». Non ci saranno iscritti a partiti o ex consiglieri comunali; donne e giovani saranno arruolati a fianco di chi ha già maturato esperienza nel movimento.
Continua……

Quattro gatti folgorati dallo show nel castello

Uscirono dal castello di Villafranca con «un Grillo nella testa». Ivo Mondini, Carlo Reggiani, Simone Bernabè e pochi altri avevano appena finito di ascoltare il comico Beppe che esortava i suoi spettatori a diventare «cittadini» e a dismettere i panni dei «sudditi». Qualche settimana dopo, quegli spettatori villafranchesi folgorati da Grillo organizzarono il primo incontro. Erano quattro gatti, ma decisero di andare avanti. Accadde cinque anni fa, nel 2007. Al centro sociale di via Rinaldo, Ivo Mondini, Carlo Reggiani e gli altri decisero che si sarebbero candidati per tentare di entrare nel consiglio comunale di Villafranca alle elezioni della primavera 2008.

Continua……

L’incontro con AIV per le politiche 2013

27 febbraio, 2013
mercoledì 20 febbraio 2013 – PROVINCIA – Pagina 28
VERSO LE ELEZIONI. Tavola rotonda organizzata dall´Associazione industriali di Villafranca con i candidati alle politiche
Ricetta anti crisi? Agganciare l´Europa al territorio locale
Maria Vittoria Adami
Zona industriale e infrastrutture al centro degli interventi di Rossi Armellini, Zanini, Dal Moro Mondini, Bonfrisco e Tosato
Con i suoi settori trainanti, manifattura, commercio e costruzioni, l´economia villafranchese sente la crisi tre volte. Ma ha margini per lavorare a una ripresa, cominciando con il guardare lontano, verso l´Europa, e facendo progetti di lungo periodo. Basta campanilismi e ottica circoscritta, basta con Pmi frazionate e conflittuali tra loro. «Piccolo è bello» è uno slogan che non va più di moda, ora si compete per qualità e creatività. Lo ha ricordato la schiera di candidati alle politiche 2013, che lunedì sera era ospite dell´associazioneimprenditori villafranchesi, all´hotel Expo.

Aiv, presieduta da Mario Serpelloni, ha chiesto di parlare di politiche economiche del territorio e del lavoro e di misure in termini di investimenti per ricerca e sviluppo, infrastrutture e cultura d´impresa.
Incalzati dalla giornalista Mirella Gobbi, c´erano Massimo Emanuele Armellini (Fare per fermare il declino), Gianni Dal Moro (Pd), IvoMondini (Movimento 5 stelle), Germano Zanini (Scelta civica per Monti), Paolo Tosato (Lega nord), Cinzia Bonfrisco (Pdl), e in staffetta per l´Udc prima Mario Rossi, poi Stefano Valdegamberi.
Villafranca conta all´incirca tremila imprese attive e poco più di 900 attività artigianali. Si divide tra commercio (ancora trainante), costruzioni, agricoltura e manifattura, che spazia dalla metallurgia alle apparecchiature, fino all´alimentare. Nel comprensorio si contano oltre 18mila aziende impegnate in edilizia, metalmeccanica, tessile, abbigliamento e calzaturiero, agroalimentare, trasporti e logistica, servizi, tecnologie medicali e informatiche.
Le ricette anticrisi richiedono, dunque, diversi ingredienti. Si comincia con la necessità di avere una visione che valichi i confini locali: «La Zai di Verona si ferma al sovrappasso di Sommacampagna e dovrebbe, invece, abbracciare quella di Villafranca», ha osservato Rossi, «è necessario creare luoghi di sviluppo di qualità che competano nel mondo». Per Dal Moro occorre guardare all´Europa, puntando sul rilancio di manifatturiero, agroalimentare e turismo: «Villafranca è il centro di un territorio approdo naturale ai paesi d´oltralpe. Il futuro è il Quadrante Europa e un sistema metropolitano che unisca Verona a Villafranca e segua l´asse del Brennero. All´aeroporto serve un bando di gara di azionariato europeo, per essere in linea con Monaco e Berlino, più che col Veneto».
«Villafranca ha portato ricchezza e sviluppo ed è sempre stata un modello per l´economia veronese», ha spiegato Zanini, «ha fatto passi enormi per innovazione e infrastrutture. Su questo occorre lavorare, passando per credito, risorse umane qualificate e una rete di Pmi. L´edilizia parte se c´è un sistema bancario che dà fiducia. Ciò avviene quando il Paese acquista reputazione».
«Va superato il campanilismo», ha spiegato Valdegamberi, «anche per il Catullo, isolato dal mondo per assenza di strategia politica. Rischia l´emarginazione, schiacciato tra altre aree in sviluppo».
Dal locale, le misure passano al piano nazionale: «Per portare effetti positivi qui, si deve risparmiare a Roma, in termini di spesa e debito pubblici», ha osservato Armellini, «si deve liberalizzare il più possibile. La burocrazia ha messo in ginocchio la manifattura». Diminuzione della pressione fiscale e del costo del lavoro è la ricetta di Tosato: «Perseguibili con tagli ai costi della politica e alle forme di assistenzialismo nei confronti del Sud». Sulla linea dei tagli anche Mondini: «Dall´abolizione delle indennità costituiremmo un fondo sociale per finanziare il microcredito alle Pmi». «Risparmio sulla spesa pubblica e tagli sugli ambiti improduttivi, abolizione dell´Imu su prima casa e capannoni, vendita del patrimonio pubblico» è la soluzione di Bonfrisco.

Presentazione candidati e programma Politiche 2013

20 gennaio, 2013

 

serata22

Vi aspettiamo Martedi 22 Gennaio ore 21 presso l’Auditorium Comunale di Villafranca dove presenteremo candidati e programma per le politiche.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: