Posts Tagged ‘manifestazione’

22 Ottobre 2011 manifestazione contro Ca’ Del Bue

22 ottobre, 2011

AGGIORNAMENTO (23/10/2010): Video e foto della manifestazione

Oggi 22 Ottobre abbiamo partecipato alla manifestazione contro l’inceneritore di Ca’ Del Bue, portando le nostre proposte, perchè il nostro non è solo un no, ma anche e sopratutto un SI, un proporre delle alternative che esistono e funzionano, primo fra tutti la riduzione e il riuso ma anche impianti come il TMB (trattamento meccanico biologico) e impianti come il centro di riciclo di Vedelago per differenziare i rifiuti il più possibile.

Occorre ovviamente riprogettare tutta la filiera, riducendo tutti gli sprechi specie negli imballaggi e ammetendo solamente quei materiali che poi possono essere interamente riciclati, la percentuale di differenziata si è importante, ma quello che più conta poi è anche quanto di questo materiale viene realmente trasformato per essere riutilizzato.

Putroppo nonostante la nostra istanza non abbiamo visto alcun consigliere di Villafranca partecipare alla manifestazione, molto probabilmente la salute interessa solo a pochi. Speriamo di essere smentiti dai nostri amministratori, che dovranno rispondere presto alla nostra istanza dicendoci  quale posizione intendono prendere in merito a questo tipo di impianti.

Intanto il fronte dei sindaci si è allargato: oltre a S.Martino, S.Giovanni Lupatoto e Zevio oggi hanno aderito anche Bovolone, Buttapietra, Castel D’azzano e Povegliano.

Simone Bernabè

Istanza all’amministrazione sugli inceneritori

18 ottobre, 2011

AGGIORNAMENTO (21/10/2011): La medesima istanza è stata presentata anche dai nostri consiglieri del MoVimento 5 Stelle di Nogara, isola della Scala e Bovolone. Gianni Bertolini di Bovolone ha ricevuto conferma dell’adesione del suo comune alla manifestazione di domani al fianco di San Giovanni Lupatoto, Zevio, San Martino B/A, Povegliano, Castel D’Azzano, Buttapietra!
Un FANTASTICO segnale di speranza, nell’attesa che anche il nostro sindaco batta un colpo e si renda conto dell’urgenza di una presa di posizione su Cadelbue. (Carlo Reggiani)

In questi giorni dopo aver partecipato alla serata organizzata dall’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Verona ci siamo chiesti: ma la nostra amministrazione che posizione avrà verso gli inceneritori? E ai finti inceneritori come certi impianti a biomassa?  E ai cementifici che diventano presto coinceneritori di rifiuti smaltendo anche le ceneri? Sarà interessata a partecipare insieme ai cittadini alla manifestazione del 22 Ottobre a Verona?

Abbiamo cosi presentato un’istanza in merito:

Al Signor Sindaco del Comune di Villafranca

e P.c. All’Assessore comunale all’Ambiente

Al Presidente del Consiglio comunale

Oggetto: ISTANZA (ai sensi dell’art 19 dello Statuto comunale) per chiedere la partecipazione               di tutta l’Amministrazione comunale alla manifestazione del 22 Ottobre contro               l’inceneritore Ca’ Del Bue

I sottoscritti cittadini di Villafranca,

premesso

* che l’Ordine dei Medici di Verona ha confermato in sede dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Verona nella serata di giovedi 13 Ottobre 2011 i dati allarmanti dell’inquinamento di Verona e provincia.Qui il nostro post in merito

https://pervillafranca.wordpress.com/2011/10/15/salute-e-incenerimento-dei-rifiuti-sentiamo-i-tecnici-non-i-politici/

* che il sindaco è responsabile della salute dei cittadini.* che altri sindaci stanno partecipando attivamente contro questo assurdo impianto.* che puntare sulla differenziata “spinta” è in netto contrasto con tecniche come l’incenerimento che distrugge materie prime trasformandole in rifiuti tossico nocivi che non risolvono il problema delle discariche.

chiedono:

1. La presenza dell’amministrazione alla manifestazione organizzata dall’associazione “Salute Verona” che si terrà a Verona il giorno 22 Ottobre con partenza alle 14:30 presso la stazione di Verona con presidio in Piazza Bra ore 16:00

http://www.saluteverona.it/chi_siamo.html

2. Di dichiarare quale posizione ha l’Amministrazione rispetto all’incenerimento di rifiuti.

In attesa di un cortese riscontro nei termini stabiliti dallo Statuto, porgono distinti saluti.

Per contatti cell:xxxxx Villafranca di Verona, 17 ottobre 2011

Non ci resta che aspettare una risposta, sperando che l’amministrazione sia sensibile a questo grande tema che intessa la salute di tanti cittadini.
Simone Bernabè

Moratoria per di ogni processo di privatizzazione dell’acqua

8 dicembre, 2010

Sabato 4 dicembre 2010 abbiamo partecipato alla manifestazione regionale di Venezia a difesa del referendum contro la privatizzazione del servizio idrico.

La manifestazione è servita per rafforzare la richiesta di tutti i Comitati Acqua Bene Comune del Veneto e di tutta Italia per una moratoria nell’applicazione della legge (decreto Ronchi) che obbliga i nostri comuni a privatizzare la gestione dell’acqua: i primi effetti si avranno a partire dal 31/12/2010!

Il Forum dei Movimenti per l’Acqua ha lanciato una campagna verso tutti i consigli comunali d’Italia per  sollecitare una mozione di adesione alla richiesta di moratoria da inviare al Governo, moratoria che permette di rispettare il milione e 400 mila firme raccolte per avere i referendum e andare al voto entro il 2011.

A Villafranca, insieme a tutti i 97 comuni veronesi, la mozione è stata inviata dal Comitato Acqua Bene Comune lo scorso 20 novembre 2010. Per aiutare il consiglio comunale di Villafranca a procedere alla votazione della mozione, già approvata a Verona e Legnago, abbiamo protocollato il testo sotto forma di proposta so mozione ad iniziativa dei cittadini.

Speriamo che il consigliere Lucio Cordioli non si offenda ancora se ci permettiamo di aiutare i nostri “dipendenti a progetto”  nel difficile compito di gestione dei beni comuni della nostra comunità.

Carlo Reggiani

Al Signor Sindaco del Comune di Villafranca di Verona

Al Presidente del Consiglio Comunale di Villafranca di Verona

Oggetto: richiesta di mozione per la moratoria sulle scadenze imposte dalla legge 166/2009 e azioni di sostegno all’iniziativa “acqua bene comune”

Gli scriventi cittadini di Villafranca chiedono che il Consiglio Comunale nella prossima seduta adotti la seguente MOZIONE al fine di porre in moratoria la scadenza imposta dalla legge 133/2008 e n. 166/2009 e adotti azioni di sostegno al referendum previsto per la difesa dell’acqua intesa come bene comune da salvaguardare, cosi come hanno già adottato il Comune di Verona (si veda doc. allegato) e il Comune di Legnago

MOZIONE

IL CONSIGLIO COMUNALE VILLAFRANCA DI VERONA S’IMPEGNA A:

1. Sostenere la possibilità, da parte dei cittadini, di pronunciarsi sulla gestione del servizio idrico, attraverso le seguenti azioni:

  • sostenere la richiesta al Parlamento di una moratoria sulle scadenze imposte dal comma 8 dell’ dall’art. 23 bis della Legge n. 133/2008, così come modificato dall’art. 15 del DL 135/2009 convertito, con modificazioni, in Legge n. 166/2009, in merito all’obbligo di messa a gara della gestione del servizio idrico
  • sostenere la richiesta al Parlamento nel caso di elezioni politiche anticipate, di un provvedimento di deroga a quanto previsto dalla Legge 352/1970, in modo da consentire lo svolgimento dei referendum entro il 2011.

2. Rivendicare il ruolo delle amministrazioni locali nella gestione del SII, attraverso le seguenti azioni:

  • sostenere la richiesta al Parlamento di una moratoria sulle scadenze imposte dall’art. 1 del DL 25 gennaio 2010, convertito, con modificazioni, in Legge 42 bis in merito alla soppressione delle Autorità d’ambito territoriale
  • contrastare tutte quelle iniziative che predispongono l’ingresso dei privati nelle società, l’ulteriore aumento delle loro quote di capitale e tutte le manovre societarie di inglobamento dei grandi gestori nei confronti delle piccole gestioni.

In fede
Carlo  Reggiani, Ivo Mondini, Simone Bernabè

Villafranca, 1 dicembre 2010

Acqua, obiettivo statuto comunale e referendum

18 novembre, 2010

Continua il nostro percorso di informazione e di sostegno alla campagna referendaria sull’acqua.

Ricordando a tutti la manifestazione nazionale che si terrà a Venezia il 4 Dicembre per chiedere al Governo una moratoria sull’applicazione delle norme per la privatizzazione del servizio idrico in ttesa del risultato del referendum chiusto da un milione e 400 mila italiani, vi invitiamo:

Martedi 23 Novembre 2010 (ore 20:45) in Sala Consigliare a Villafranca in via Rinaldo (entrata laterale del Municipio) per la proiezione del dvd: “Per Amore dell’acqua FLOW”, un bellissimo film di Irene Salinas.

Questa iniziativa è il proseguimento di un percorso che è iniziato con una nostra interrogazione al consiglio comunale,  continuando con  “Operazione Trasparenza” (le  richieste ad Acque Veronesi, all’Ulss22),  seguito dalla recente delibera dell’amministrazione all’unanimità nell’ultimo consiglio, nella quale viene dichiarato che l’acqua è un bene comune e il servizio idrico è privo di rilevanza economica.

Ci auguriamo che questa mozione acceleri il lavoro della commissione statuto per arrivare alla modifica dello statuto comunale con l’inserimento di questi principi.

Due gli appuntamenti anche questo weekend:

– Sabato pomeriggio  (20/11, ore 15-18) parteciperemo al presidio a Verona in piazza Brà organizzato dal Comitato Acqua bene Comune. Sono previsti interventi di comitati e associazione di Verona provincia a sostegno della richiesta di moratoria

– Domenica mattina (21/11, ore 9:30-12:30) ci troverete a Villafranca in piazza davanti al Duomo: distribuiremo i volantini per entrambe le giornate e spiegheremo ai cittadini i motivi della richiesta di moratoria.

Vi aspettiamo come sempre numerosi!

PS: Ringraziamo il Presidente del Consiglio Comunale di Villafanca Maurizio Facincani ed il Sindaco Mario Faccioli per averci concesso per la prima volta l’uso gratuito della sala consigliare e invitiamo tutto il consiglio comunale a partecipare alla serata.

Sabato a Verona per togliere il carburante a Cadelbue

7 ottobre, 2010

AGGIORNAMENTO: Alle 13:30 di domani giovedì 7/10/2010 è fissato l’incontro, di fronte all’Arena, tra i volontari di Verona Reattiva e padre Alex Zanotelli, per manifestare solidarietà e appoggio a tutti i comitati, le associazioni ed i cittadini contro Ca’ del Bue

Non ci stancheremo mai di contrastare una scelta così assurda da tutti i punti di vista: economico, ambientale, sanitario. Come non ci stancheremo mai di ribadire a cittadini e amministratori che i rifiuti non si bruciano, ma si riducono, recuperano e riciclano! E non lo diciamo solo noi, visto che le indicazioni che arrivano dall’Europa sono chiarissime.

Ma evidentemente la scienza, la tecnologia e la ragionevolezza non sono strumenti presenti sul tavolo dei nostri amministratori  che stanno portando avanti la riattivazione dell’inceneritore di Cadelbue a Verona.

La riconversione di Cadelbue con tecnologie a trattamento a freddo (già per altro presenti per quanto riguarda la separazione dei materiali) è possibile, è conveniente e va nella direzione degli sforzi dei cittadini della provincia di Verona e di interi quartieri della città di Verona per separare i materiali con la raccolta porta a porta.

E se il problema è la Regione Veneto (in particolare il contributo per realizzare l’impiantoerogato ancora nel secolo scorso), forse è bene che il presidente Zaia cominci a spiegare come mai ha sostenuto i suoi concittadini di Treviso contro un impianto di incenerimento nella sua terra e non è invece in grado di sostenere la provincia più riciclona di tutta Italia!

Sabato pomeriggio, assieme alle decine di comitati e associazioni, scenderemo in corteo con il sindaco e la giunta ed il consiglio comunale di San Giovanni Lupatoto, con gli amministratori di Zevio e San Martino Buon Albergo .

Ci appelliamo a tutti gli amministratori della nostra provincia: venite con noi sabato pomeriggio a ribadire quale è la scelta giusta per le nostre comunità.

Città chiusa per ferie?

14 luglio, 2008

Sorry er are CLOSED

“Ma oggi non c’è il mercatino a Villafranca?”

Fino dalla prima mattinata abbiamo risposto a decine di persone che, venute appositamente da fuori provincia/regione, cercavano il nostro famoso mercatino dell’antiquariato.

Anche il vigile urbano che è venuto gentilmente a salutarci ci ha confessato di aver saputo solo sabato che il mercatino non ci sarebbe stato (“ho chiesto di essere di turno apposta oggi per il mercatino! Non si è mai chiuso a luglio“, ci ha confessato). Anche lui ha passato la mattinata a dare l’informazione ai tanti cittadini in città domenica mattina.

Forse anche per questa mancata informazione (sul sito del nostro Comune è apparsa la notizia con data 10/7: “SI RICORDA AGLI ESPOSITORI CHE NEI MESI DI LUGLIO ED AGOSTO IL MERCATO DELL’ANTIQUARIATO E’ SOSPESO. RIPRENDE CON LA SECONDA DOMENICA DI SETTEMBRE“) in centro a Villafranca c’è stato un discreto passeggio.

La scelta di chiudere la città è stata presa solo negli ultimi giorni, in fretta e furia, per cercare di far passare inosservata la manifestazione dei circoli omosessuali davanti al comune contro il sindaco?

Sicuramente vedere la camionetta della polizia, le gazzelle dei carabinieri, l’identificazione di giovani seduti in piazza, sono scene alle quali la nostra città non è abituata. E’ sembrato un pò tutto esagerato, e non solo a noi! Davvero la nostra amministrazione in questo episodio ha fatto SOLO rispettare leggi e regolamenti? Giudicheranno i cittadini.

Come giudicheranno i cittadini quello che scriviamo sul nostro blog: abbiamo distribuito 400 copie della nostra GAZETTE durante tutta la mattinata! Pochi i cittadini che non hanno accettato di ricevere le nostre parole (per onor di cronaca un rifiuto ci è arrivato dal consigliere Ortombina).

Sicuramente hanno ben accettato di ricevere la nostra GAZETTE i cittadini alla ricerca del mercatino!

PS: noi non andiamo in ferie! Frequentate il nostro blog e partecipare alle discussioni sul Meetup!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: