Archive for the ‘incontri’ Category

Alla difesa dei beni comuni con “La valle che vorrei 3”

1 marzo, 2014

Vi propongo questa bellissima serata, attraverso la quale possiamo imparare a capire come mangiare con la bocca ma anche con la testa.

E’ un piacere sentire parlare produttori che hanno messo nel loro lavoro la passione, l’amore per la terra, per l’ambiente e per i beni comuni.

Sono sicuro che ogni consumatore che la vedrà ne uscirà arricchito personalmente, l’atto di comprare è un atto politico vuol dire incentivare qualcosa, appoggiare un modo di produrre, aderire ad un progetto che non è solo fine a riempirsi lo stomaco. 

organizzata da: Gianluca Godi del gruppo “Pescantina Comune Virtuoso” che ringrazio.

moderatrice: Eliana Rapisarda di VeronaGreen.it

Relatori:

Maurizio Gritta: presidente della cooperativa agricola IRIS BIO Il progetto del nuovo pastificio a Casteldidone e strutture sociali Costruzioni ecologiche e innovative a consumo zero. Progetto Mutualità.

Marcello Volanti: veterinario progetto pecora Brogna: “La pecora torna in Lessinia” Agricoltura/Allevamento sostenibile contro lo spopolamento della Lessinia

Antonio Nicolini: Intergas Verona progetto filiera corta del grano.

Giampietro Masella: bioagriturismo Thirta esperienza orti collettivi, apiario sociale.

Giovanni Beghini e Vittorio Betteloni: Associazione Terraviva monocultura pesticidi e salute “Impatto si questa agricoltura sull’ambiente e sulla salute” “Esperienze pratiche dal basso”

Annunci

L’ALTRA FACCIA DEL MOTORCITY – Coopsette: i nuovi proprietari di Vigasio?

5 marzo, 2010

Serata “Bambini a Costo Zero” – 10 Febbraio 2010

20 gennaio, 2010

CLICCA SULLA CICOGNA PER VEDERE IL VIDEO DELLA SERATA!

 

AGGIORNAMENTO (16/03/2010): Segnaliamo una bellissima notizia che arriva dal comune di Padova. L’amministrazione patavina ha deciso di regalare un kit con 3 pannolini lavabili a tutti i nuovi nati nel suo comune nel corso del 2010! Una iniziativa da copiare al più presto da tutti i comuni veronesi. Villafranca compresa, ovviamente.

AGGIORNAMENTO (11/02/2010): Come Gruppo Amici di Bepppe Grillo di Villafranca siamo contenti che amministrazioni vicine a casa nostra stiamo finalmente prendendo a cuore il sostegno concreto alle famiglie: l’incentivo all’acquisto dei pannolini lavabili deciso dal comune di Vigasio, dopo Verona e Sommacampagna, e’ un ottimo segnale, che si aggiunge alla grande partecipazione all’evento “Bambini a Costo Zero” da noi organizzato ieri sera a Villafranca. Rinnoviamo l’invito al sindaco Faccioli e agli assessori competenti (Adami, Cordioli, Maraia) a portare in consiglio comunale la nostra proposta di incentivo all’acquisto dei pannolini lavabili anche a Villafranca, unito ad uno sgravio della tassa rifiuti (il 20% del rifiuto secco non differenziato e’ costituito da pannolini). Ieri sera, grazie alle nostre relatrici, abbiamo imparato quanto i pannolini lavabili, insieme all’allattamento al seno e al riutilizzo di vestiario e passeggini, siamo risposte economiche importanti e immediate a sostegno delle famiglie, oltre che alle casse comunali per l’importante riduzione dei rifiuti da smaltire.

Vi invitiamo mercoledì 10 Febbraio 2010 alle 20.30 presso l’aula magna del Liceo E. Medi di Villafranca in Via Magenta, 7/A alla serata:

BAMBINI A COSTO ZERO

Promuoviamo l’allattamento al seno, l’utilizzo dei pannolini lavabili, le fasce porta-bebè, il riuso e il riutilizzo delle attrezzature per l’infanzia il tutto per prenderci cura dei nostri piccoli risparmiando un sacco di soldini.

A chi è neo-genitore, a chi è in attesa di un bambino e a chi sta solo pensando di diventarlo in un prossimo futuro, dimostreremo che per essere genitori non serve il conto corrente di Zio Paperone!!!

Alcuni consigli pratici che riscoprono in chiave moderna la tradizione delle nostre nonne, ci aiuteranno ad essere genitori più consapevoli salvaguardando il portafoglio e l’ambiente.

Interverranno:

L’associazione Mamme Insieme di Castel D’Azzano che da anni prepara le mamme in gravidanza e le aiuta nei primi mesi di vita del bambino

Emilia Cristofori del sito Babymio.it che illustrerà il mondo dei pannolini lavabili amici della salute del nostro bambino, dell’ambiente e non solo

L’associazione Giracose di Nogarole Rocca che propone il riciclo e riutilizzo come vera fonte di risparmio e nuova vita delle cose.

Argomenti di questo tipo non vengono mai divulgati dalle pubblicità e dalle riviste specializzate che spingono ad un consumo a tutti i costi puntando sul senso che ogni genitore ha di non voler far mancare nulla ai propri piccoli.

Essere informati in questo senso ci aiuta a non sprecare, non riempirci la casa di oggetti non solo inutili ma spesso dannosi ed essere genitori più attenti e consapevoli delle VERE esigenze dei nostri bambini.

Vi aspettiamo quindi numerosi ricordando che l’ingresso è gratuito.

Ringraziamo con l’occasione i relatori che interverranno per la disponibilità e l’entusiasmo dimostrati nell’organizzare la serata.

Ringraziamo tutti voi preventivamente per la partecipazione dimostrando che gli argomenti proposti hanno solleticato il vostro interesse.

Scarica il volantino della serata.

Francesca De Berti

Motorcity: come influenzerà le nostre vite

18 giugno, 2009

Il 4 giugno scorso  si è tenuto a Povegliano (Vr) un incontro-dibattito organizzato dai gruppi WWF di Povegliano e Villafranca il cui scopo era quello di tentare un approccio scientifico e razionale ai prossimi interventi urbanistici previsti sul nostro territorio, primo fra tutti il progetto Motorcity.

Tra i relatori , oltre al sindaco di Povegliano avv.Anna Maria Bigon, hanno esposto le loro interessanti valutazioni il prof. Silvino Salgaro docente di Geografia politica ed economica all’Università di Verona, il dott. Giampaolo Cordioli della Divisione di Pneumologia  di Mantova e la prof.ssa Daniela Zumiani, docente di Architettura del Paesaggio all’università di Verona.

Comune denominatore nella sintesi dei relatori presenti è la totale assenza di logica e razionalità nella programmazione di un intervento di così enorme inpatto sul nostro territorio per gli squilibri sociali che provocherà in tutti i comuni limitrofi e non solo, per il consumo irreversibile delle risorse, per l’ulteriore peggioramento della qualità dell’aria e per le relative conseguenze sulla salute e sulla vita delle persone.

Il prof.Salgaro ci fa riflettere sulla Valutazione di Impatto Ambientale: un fatto abbastanza soggettivo che può essere giocato a piacimento semplicemente scegliendo come si vuole quantificare il “vantaggio” e lo “svantaggio”. Ne analizza alcuni aspetti in relazione alla qualità della vita.

Il dott. Cordioli ci informa che l’epidemiologia moderna permetterebbe addirittura di stimare il numero di malattie respiratorie e di tumori del polmone attribuibili ad uno sfruttamento del territorio  di questo tipo!

La prof.ssa Zuminai ci parla della vocazione autodistruttiva della civiltà in cui viviamo che, pur capendo quanto sono negativi determinati modi di usare ed usurare il paesaggio, continua a farlo trovando sempre delle giustificazioni perchè questo si possa anzi si debba fare.

Interessante infine, durante il dibattito finale, ascoltare le posizioni dei rappresentanti di Confcommercio e Confesercenti.

Di seguito i video della serata.

Cristiano Cinotti

Introduzione del moderatore prof Giovanni Biasi ed intervento del sindaco di Povegliano avv. Anna Maria Bigon:

Intervento del prof Silvino Salgaro, docente di Geografia politica ed economica all’universita’ di Verona:

Intervento del dott.Giampaolo Cordioli, divisione di Pneumologia di Mantova:

Intervento della dott.sa Daniela Zumiani, docente di Architettura del paesaggion all’universita’ di Verona:

Il dibattito conclusivo:

Motorcity: il punto e qualche riflessione

4 maggio, 2009

tuta

Nel 1999 la Regione Veneto, con l’idea di costruire un autodromo nella bassa veronese, aveva intenzione di contribuire a diversificare ed incrementare lo sviluppo dell’area. Nello stesso anno, con la delibera del “Piano d’Area Quadrante Europa” viene individuata un area di 100 ettari a nord di Trevenzuolo. Nello steso PAQE la maggior parte del territorio tra Vigasio e Trevenzuolo viene indicato come tutelato, insieme agli alvei fluviali, in quanto ambito di interesse paesistico-ambientale e destinato al futuro parco fluviale del Tartaro – Tione.

Col passare degli anni gli amministratori locali, provinciali ma soprattutto regionali si sono fatti prendere un po’ la mano: tra il 2004 ed il 2005 a colpi di varianti e deroghe ( prima agli obbiettivi di sviluppo inserendo le nuove funzioni produttive e commerciali, poi ai vincoli di tutela degli ambiti paesistico-ambientali ed infine ai limiti dimensionali della grande distribuzione), hanno messo mano alla legge regionale del Veneto n° 27/1999 consentendo la realizzazione di un progetto che prevede la sottrazione di 4,5 milioni di mq di territorio in una zona in cui sono già programmati 8 milioni di mq di aree industriali/logistiche disseminate tra Vigasio, Isola della Scala e Nogarole Rocca!

MOTORCITY sarà un CENTRO COMMERCIALE grande 5 volte la Grande Mela, un PARCO DIVERTIMENTI grande una volta e mezza Gardaland con un parcheggio da 44 mila posti auto (sono 3 mila quelli della Grande Mela ), un mega SHOW ROOM per le case automobilistiche, un POLO TECNOLOGICO universitario, una ZONA RESIDENZIALE… e quasi dimenticavo: un AUTODROMO. Un casello dedicato sulla A22 con 29 porte (sono 20 a Verona sud ) ed una strada a 4 corsie di collegamento tra il casello e la futura mediana Isola della Scala – Nogarole Rocca andra’ a servire il tutto. Saranno piantati 50 mila alberi, sarà energeticamente autosufficiente e portera’ piu’ di 10 mila posti di lavoro a regime.

(more…)

Eugenio Benetazzo e Marco Boschini ci aiutano a costruire una Provincia Virtuosa

3 maggio, 2009

lucchifinale

AGGIORNAMENTO (8/5/2009) VIDEO DELLA SERATA:

[blip.tv ?posts_id=2098111&dest=-1]

[blip.tv ?posts_id=2098278&dest=-1]

[blip.tv ?posts_id=2098307&dest=-1]

AGGIORNAMENTO (4/5/2009): siamo sul blog dell’Associazione di Comuni Virtuosi e del Distretto Solidale di Verona “El Selese

Lunedì 4 maggio, alle ore 20:30 avremo ospiti in sala Lucchi a Verona (zona Stadio) Eugenio Benetazzo e Marco Boschini per una serata dal tema: “Crisi economia e territorio: Verona Provincia Virtuosa“.

Vogliamo andare oltre la crisi, farci aiutare a capire come trasformare un momento di crollo dei mercati e delle economie mondiali in un’occasione da non sprecare per “cambiare marcia“, per cominciare ad applicare sistematicamente comportamenti virtuosi sia come singoli cittadini sia come amministratori e politica.

I nostri ospiti presenteranno i loro libri (“Banca Rotta” di Eugenio Benetazzo e “Anticasta – L’Italia che funziona” di Marco Boschini) e ci aiuteranno a diventare concreti: la lista civica VERONA PROVINCIA VIRTUOSA che si presenta alle prossime elezioni amministrative per la Provincia di Verona vuole riprendere il lavoro cominciato con le 5 stelle presentate a Villafranca le scorse elezioni comunali, riproponendole a livello più esteso e forse nel luogo, la Provincia, più adatto ad un’opera di indirizzo e programmazione.

Eugenio Benetazzo è l’analista finanziario indipendente che da anni scrive e denuncia (anche attraverso spettacoli e trasmissioni televisive) ciò che stiamo vivendo in questi primi mesi del 2009. La sua analisi delle cause macroeconomiche che hanno portato alla crisi finanziaria e alle ricadute sull’economia e nella vita delle persone ci aiuta nel cercare una nuova strada, lontana dalla speculazione e attenta a costruire intorno a noi una economia dalle basi solide e concrete. Eugenio è già stato nostro ospite a Villafranca per una tavola rotonda molto apprezzata dal pubblico.

Marco Boschini è coordinatore dell’Associazione Comuni Virtuosi, e componente del consiglio direttivo  dell’associazione Decrescita Felice: i temi della decrescita sono il fondamento per le nostre 5 stelle che parlano di Acqua Pubblica e non mercificabile, Ambiente inteso come risorsa limitata e da valorizzare senza consumarla da lasciare alle prossime generazioni, Energia come risparmio energetico e uso delle fonti rinnovabili, Trasporti come superamento del modello di mobilità individuale (“l’auto è morta” come dice Beppe Grillo) in favore di una mobilità di massa per le persone e su ferro per le merci, Sviluppo come un abbandono della logica dell’aumento del PIL in favore di quella del BIL (Benessere Interno Lordo) con una attenzione al tema dell’economia solidale e delle reti tra le persone che si realizzano per esempio attraverso i GAS.

Vi aspettiamo!

Carlo Reggiani

PS: sala Lucchi sarà aperta dalle ore 19:30. Vi chiederemo un piccolo contributo per coprire le spese di organizzazione. Per informazioni chiamatemi al 393  7690102

Doppio appuntamento: Autodromo e Discarica Caluri

26 aprile, 2009

Lunedì 27 aprile saremo presenti a due appuntamenti concomitanti.

La “politica” prova a confrontarsi con i cittadini su due questioni che ci stanno molto a cuore: Motorcity e discarica di Caluri.

Sul progetto Motorcity abbiamo recentemente assistito a scene di equilibrismo in consiglio provinciale in occasione del voto sulle infrastrutture di collegamento all’impianto. Il voto è stato usato per dare dei “segnali” agli alleati da parte di Lega ed ex AN (il nostro sindaco ha tenuto banco per tutta la seduta!). Le decisioni riguardanti una aggressione senza precedenti al nostro territorio e al nostro stile di vita (20-25 milioni di visitatori all’anno, 25.000 abitanti in più in una zona che ora è completamente agricola) vengono utilizzate dai nostri dipendenti esclusivamente come palcoscenico per i loro atti di forza, per regolare alleanze e definire assetti in previsione delle prossime elezioni.

Un’altra gravissima ferita, questa volta nel nostro territorio comunale, sembra non insegnare nulla alla “politica”: la prossima settimana a Venezia la commissione VIA darà il suo consenso definitivo alla riapertura della discarica di Caluri. Ora che l’evidenza dell’incapacità dei nostri amministratori di compiere il loro dovere in difesa del NOSTRO territorio e della NOSTRA salute è alla luce del sole, le minoranze (che sono state anche maggioranze con relative responsabilità) hanno ottenuto la convocazione di un consiglio comunale straordinario. L’imbarazzo dei nostri amministratori è evidente e ben documentato da Fabio Tomelleri su L’Arena di oggi. Saremo presenti anche per avere delle risposte alle nostre ripetute istanze (prima e seconda), da mesi chiuse in qualche cassetto degli ufficio comunali.

– A Isolalta di Vigasio (VR) gli indipendenstisti Veneti ci hanno invitato a partecipare ad un dibattito pubblico dal titolo “A che punto è il progetto del Motorcity e quale sarà l’impatto sul territorio?”. Alla serata parteciperà Cesare Nicolis (minoranza consiglio comunale di Vigasio), due consiglieri regionali (Bonfante e Cancian), consiglieri comunali e provinciali. Dettagli sul nostro meetup.

– A Villafranca consiglio comunale straordinario sulla discarica di Caluri: il consiglio è stato richiesto dalle minoranze consigliari, su sollecitazione del comitato contro la discarica. Dettagli sul nostro meetup.

PS: stiamo iniziando una nuova avventura! CI SERVE ILTUO AIUTO!!!

Dott.ssa Patrizia Gentilini a Fumane.

29 marzo, 2009

[blip.tv ?posts_id=1939766&dest=-1]

Scarica il video della prima parte

[blip.tv ?posts_id=1939716&dest=-1]

Scarica il video della seconda parte

[blip.tv ?posts_id=1941587&dest=-1]

Scarica il video della terza parte

[blip.tv ?posts_id=1941606&dest=-1]

Scarica il video della quarta parte

Presto anche le ultime parti con gli interventi del pubblico.

Come gruppo abbiamo partecipato all’incontro “IL FUTURO DI FUMANE E DELLA VALPOLICELLA” promosso dal comitato “Fumane Futura” che ringraziamo per aver organizzato l’evento e aver acconsentito le riprese.

L’oggetto di discussione della serata, è stato cosa comporterà il nuovo progetto di ammodernamento degli impianti industriali e il rinnovo di concessione mineraria, presentato dal cementificio Cementirossi.

I comuni di Fumane e Marano hanno insindacabilmente dato parere favorevole al progetto, nel quale è previsto anche l’ncenerimento di rifiuti, trattato nell’art. 2 del decreto legislativo 133 dell’11 Maggio 2005 per gli impianti di coincenerimento:

“Qualsiasi impianto, fisso o mobile, la cui funzione principale consiste nella produzione di energia o di materiali e che utilizza rifiuti come combustibile normale o accessorio o in cui i rifiuti sono sottoposti a trattamento termico ai fini dello smaltimento”.

L’ammodernamento è simile a quello gia effettuato a Pederobba nel trevigiano, sempre di proprietà di Cementirossi nel quale oggi la struttura è autorizzata a incenerire rifiuti come: pneumatici, farine e grassi animali, scaglie di laminazione, ceneri leggere, gessi chimici, da notare che questo tipo di impianti nonostante siano simili agli inceneritori sono disposti a dei limiti di emissioni molto meno restrittivi.

Insomma abbiamo capito come al limite risolveranno il problema dei residui di combustione, che verranno prodotti ad esempio da inceneritori come Ca’ del Bue, senza fare nuove discariche, portando la maggiorparte delle ceneri all’interno di impianti come questo. Non ci si accontenta quindi di rilasciare sostanze altamente nocive solo una volta, ma doppiamente passando dall’inceneritore al cementificio, a questo punto si puo’ dire che “PERSEVERARE E’ DIABOLICO”.

Le alternative per il problema dei rifiuti ci sono, si tratta di iniziare subito con un porta a porta spinto, ridurre riutilizzare e riciclare quello che è una risorsa, con impianti come quello della sig. Carla Poli di Vedelago. Ormai è da tanto che lo diciamo, chissà se qualche imprenditore anche a Villafranca, vuole cogliere questo momento di crisi, iniziando questa nuova attività, che potrebbe trasformarsi in una buona occasione di guadagno, con l’opportunità anche di creare nuovi posti di lavoro.

Lo studio del dottor Ricci sugli inceneritori di Venezia

24 marzo, 2009

Consiglio comunale di San Giovanni Lupatoto contro Cadelbue alla Festa de le Boche - sullo sfondo l'impianto di incenerimento

AGGIORNAMENTO (26/3/2009): chiuso l’inceneritore di Maglie: troppa diossina. L’ARPA dei pifferai magici

AGGIORNAMENTO (26/3/2009): CLAMOROSO!!! Il vescovo di Acerra rifiuta di benedire il nuovo inceneritore ad Acerra! Ad Acerra il pranzo è servito.

AGGIORNAMENTO (25/03/2009): Alle ore 16 di oggi ci sarà il penultimo consiglio provinciale di Verona. In ordine del giorno: una mozione importante per chiedere informazioni sulla relazione tra diossine e inceneritori. Nella mozione si chiede di ascoltare la dottoresa Patrizia Gentilini e di organizzare una visita al centro riciclo di Vedelago.  Saremo presenti al consiglio provinciale, speriamo anche con il video.

A Verona è in corso una battaglia: dopo anni di solitaria lotta contro l’ipotesi di riattivazione dell’inceneritore di Cadelbue, agli amici di GrilliVerona hanno trovato un valido alleato: il sindaco e l’intero consiglio comunale di San Giovanni Lupatoto.

Negli ultimi mesi l’amministrazione del terzo comune veronese è scesa in campo con azioni forti (famosi ormai gli striscioni in centro paese con la scritta “TUMORI NO GRAZIE! NO ALL’INCENERITORE, SI’ AL TRATTAMENTO A FREDDO DEI RIFIUTI“), organizzando serate pubbliche e partecipando a trasmissioni televisive per sostenere la contrarietà all’incenerimento dei rifiuti in favore del trattamento a freddo. Domenica mattina si è addirittura tenuto un consiglio comunale straordinario all’aperto alla storica “Festa de le Boche” per ribadire con una mozione votata all’unanimità la sua contrarietà all’impianto!

Lo scorso 10 marzo l’amministrazione di San Giovanni Lupatoto ha organizzato una serata con il dott. Ricci incaricato nel 2006 dalla Regione Veneto (assessore alla sanità all’epoca era l’attuale sindaco di Verona Flavio Tosi) ad eseguire uno studio per determinare la relazione tra una particolare forma di tumore (il sarcoma) e la diossina emessa dagli inceneritori sul territorio veneziano nel corso degli ultimi 25 anni.

Lo studio Casula, Ricci, Zambon, successivamente pubblicato e riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale, non lascia nessun dubbio: incenerire rifiuti è pericoloso per la salute umana!

Vi lascio al video della serata, a cura di Elia Frigo di Verona Reattiva/GrilliVerona.

[blip.tv ?posts_id=1922453&dest=-1]

Carlo Reggiani

Serata con Eugenio Benetazzo: Scenario macroeconomico della nostra epoca

3 febbraio, 2009

[AGGIORNAMENTO 25/04/2009]


4 MAGGIO 2009 ORE 20:30

Crisi economica & Territorio, la svolta di “Verona Provincia Virtuosa”

OSPITI

EUGENIO BENETAZZO

E

MARCO BOSCHINI
(ASSOCIAZIONE COMUNI VIRTUOSI)

SALA LUCCHI (ZONA STADIO) A VERONA

NEI PROSSIMI GIORNI MAGGIORI INFORMAZIONI SUL BLOG

—————————————————————–

AGGIORNAMENTO (12/02/2009): GRAZIE! Una emozione che continua ancora oggi. Nel pomeriggio il video della serata online sul blog. Le prime foto della serata già online.

AGGIORNAMENTO (11/02/2009): il dott.Maggiolaro ha avuto un impedimento dell’ultimo minuto. Parteciperà alla serata al sul posto il dott. Riccardo Milano.

AGGIORNAMENTO (06/02/2009): Domenica mattina (8 gennaio) saremo in piazza a Villafranca (vicino al Duomo) per pubblicizzare la serata. Venite a trovarci!

Cosa sta accedendo al nostro mondo occidentale? Un mondo basato sul teorema della crescita infinita, dei “soldi di carta“, delle improvvise fortune basate sulla speculazione finanziaria (ricordate la “bolla di internet“?), delle grandi operazioni di acquisto di società importanti fatte senza soldi veri (limitiamoci a citare il piu’ eclatante: Telecom).

Da qualche mese questo mondo non esiste più: il sistema è collassato, trascinando in una crisi senza precedenti l’intero pianeta. Una crisi profetizzata da tempo da analisti finanziari indipendenti come Eugenio Benetazzo. Una crisi che sta colpendo progressivamente anche l’Italia e noi cittadini. Una crisi che deve diventare una opportunità per ripensare il nostro modello di sviluppo, rendendolo più vicino a concetti come sostenibilità, solidarietà, equità.

Mercoledì 11 febbraio 2009 (ore 20:30), nell’aula magna dell’Istituto Anti di Villafranca,  abbiamo organizzato una serata con Eugenio Benetazzo per capire come sta evolvendo il quadro economico complessivo, per capire come il mondo sta affrontando la crisi e l’efficacia delle azioni che si stanno mettendo in campo le istituzioni finanziarie e politiche.

Ma soprattutto cercheremo di capire cosa possiamo fare noi cittadini: Daniele De Maestro ci aiuterà a comprendere i difficili strumenti finanziari che anche il nostro Comune ha adottato (i prodotto derivati), mentre Mauro Meggiolario ci spiegherà come gli istituti bancari stanno operando in questi mesi.

Invitiamo tutti i cittadini veronesi e tutti gli amministratori a partecipare alla serata. Vi aspettiamo (anche su FaceBook).

Carlo Reggiani

PS: in preparazione dell’incontro, segnaliamo il post di beppe Grillo di oggi e, sulla questione “prodotti derivati”, questo articolo su Il Sole 24 Ore.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: