Archive for the ‘Internet’ Category

Si! Siamo sempre noi!

10 maggio, 2013
gruppovillavirtuo

Composizione della lista:
Candidata Sindaco:  SILVANA BICEGO

CANDIDATI IN LISTA:
Bernabè Simone, Della Valle Giuseppe, Mastrodonato Luca
Martino Roberto, Zulian Nadia, De Berti Francesca
Barzacola Novella, Serpelloni Mariapia, Vallan Sara
Garagna Florian, Coltri Enrico Maria, Mondini Giovanni
Occhino Diana, Turina Antonio, Di Giovine Elia
Montresor Ivan, Magagnoti Stefano, Samsa Massimiliano

1) AMBIENTE
Riqualificazione, tutela e aumento delle aree verdi sul territorio comunale.
Parco del tione.
Stop definitivo al consumo del territorio.
Incentivo a ristrutturare e riqualificare aree dismesse.
Strategia Rifiuti zero.
2) SALUTE
Monitoraggio dei campi magnetici provocati dalle antenne telefoniche installate sul territorio comunale.
Monitoraggio della qualità dell’aria tramite installazione da parte di ARPAV di centraline fisse per il rilevamento di PM10 ,PM 2,5.
Incentivo alla conversione all’agricoltura biologica e creazione di una filiera che coinvolga anche le mense sulle strutture pubbliche.
3) MOBILITA’
Piano di studio del traffico con prorità per la mobilità dolce pedonale e ciclabile.
Incentivi alla mobilità pubblica e ai collegamenti fra le varie forme di trasporto (Treno, Autobus, Bici)
Abbattimento delle barriere architettoniche per i disabili.
Sviluppo di reti di piste ciclabili protette estese a tutta l’area urbana ed extraurbana.
Istituzione dei parcheggi per le biciclette nelle aree urbane
Incentivazione dei mercati locali con produzioni provenienti dal territorio
4) ENERGIA
Piano Energia Comunale con priorità per la riduzione, efficienza dei consumi, produzione energia da fonti rinnovabili e coogenerazione.
Analisi dei consumi delle strutture pubbliche.
Pubblicazione dei consumi pubblici su sito web.
Sportello assistenza cittadino su situazione incentivi e normativa per energie rinnovabili.
5) AMMINISTRAZIONE E CITTADINI
Democrazia diretta con referendum abrogativo, consultivo, propositivo senza quorum e vincolanti.
Obbligatorietà della discussione in sala consiliare di istanze e petizioni presentate da cittadini e associazioni.
Pubblicizzazione online delle delibere comunali almeno un mese prima del passaggio al consiglio comunale per ricevere i commenti dei cittadini.
Trasparenza delle informazioni pubbliche con pubblicazione dei dati sul sito web del comune attraverso il sistema di “Open Data” e “Open Municipio”.
Introduzione di software e soluzioni Open-Source come Linux.
Accesso internet gratuito nella sede comunale, nelle delegazioni (Dossobuono etc.), nei centri sociali, nelle sale civiche e in tutti i centri di aggregazione giovanile.
Piano comunale di accesso internet attraverso la tecnologia WiMax su tutto il territorio.
Filo diretto di domande e relative risposte tra cittadini e Amministrazione sul sito del comune e tramite apposito ufficio.
6) ECONOMIA E SVILUPPO
Azione programmatica per un percorso normativo che riporti Acqua e Gas in gestione completamente comunale con l’istituzione di strumenti che permettano ai cittadini di esercitare l’attività di controllo e monitoraggio.
Adozione della tariffa puntuale sul secco non riciclabile seguendo la regola chi più ricicla meno paga.
Analisi bilanci delle partecipate (aeroporto, acque veronese, agsm etc) e stipendi consigli di ammistrazione
Istituzione e promozione di un gruppo di acquisto solidale nell comune.
7) ISTRUZIONE E CULTURA
Istituzione della Pro-Loco di Villafranca di Verona con ufficio dedicato a informazioni di carattere turistico, commerciale e culturale in contatto con le varie realtà gastronomico-culturali del territorio.
Ripristino attività del Teatro Verdi.
Valorizzazione del castello con eventi a tema, cinema, concerti.
Centro giovanile.
8) PARI OPPORTUNITA’
L’introduzione di una figura denominata “maggiordomo aziendale e/o comunale”

Finalmente arriva il Wifi in biblioteca…. A PAGAMENTO!

6 settembre, 2011

AGGIORNAMENTO: Nessun refuso sul sito del Comune. Ancora la nostra Sara:

No Carlo, non è un errore!
Ho avuto la conferma dall’impiegato della biblioteca, il costo è di € 0.50 per una tessera con una durata di 5 ore. A Villafranca il diritto all’informazione è ancora utopia!

Non so ancora se devo ringraziare il sindaco Mario Faccioli o qualche assessore della sua giunta.

Stasera ho capito fino in fondo per quale motivo ho partecipato alle elezioni della primavera del 2008 come candidato sindaco per il Comune di Villafranca, ma soprattutto per quale motivo sono ancora qui insieme ad un gruppo di tenaci “grillini” a continuare ad interessarmi della vita della mia comunità.

Insieme agli amici con i quali abbiamo intrapreso questa avventura che ci sta appassionando da oramai 4 anni avevamo e continuiamo ad avere un sogno: mettere in pratica con i nostri concittadini tutte le belle esperienze che si stanno facendo nel mondo (Italia compresa) portando avanti la nostra civiltà basata sui principi dei diritti universali dell’uomo, della convivenza civile, del rispetto, della solidarietà, della difesa e condivisione dei beni comuni.

Studiare, selezionare e poi copiare e mettere in pratica buoni progetti e utili azioni: esattamente ciò che amministratori di tutta Italia e di tutti gli orientamenti stanno facendo con ottimi risultati per i propri cittadini e i loro paesi (soprattutto in questi anni di pesante crisi economica) e che invece alla giunta Faccioli sembra essere “magicamente” impedito, come da una maledizione (ancora nessun pannello fotovoltaico sui tetti degli edifici comunali, gestione dei rifiuti porta a porta imposta dall’esterno e non progettata con e per i cittadini, alberi tagliati invece che piantati, mobilità sostenibile non pervenuta,…).

Tecnicamente abilitare nelle nostre città un accesso wifi è una cosa banale da eseguire nel 2011 e un costo irrisorio, ma dal significato politico fortissimo: l’accesso ad internet libero e gratuito per tutti rappresenta la nostra battaglia per il diritto alla cittadinanza digitale, contro il digital divide, le barriere (economiche tecniche culturali) che si frappongono fra un diritto potenziale e la sua efficacia. Un diritto che permette a tutti di partecipare attivamente alla vita democratica del proprio paese senza mediazioni, senza delega, collegando le persone tra loro, facilitandole al dialogo e al confronto.

Sara stasera mi ha segnalato che finalmente la connessione internet senza fili è stata attivata in biblioteca a Villafranca e nella delegazione di Dossobuono. Benissimo. Leggo sul sito del Comune la notizia:

Da pochi giorni è attivo presso i locali della Biblioteca comunale e del Centro di lettura di Dossobuono il servizio Internet “wireless”. La copertura del segnale è assicurata anche all’esterno, nel raggio di circa 30-50 metri. Il personale fornisce informazioni sulle caratteristiche del servizio e sui costi.

Caro sindaco, cari assessori, cari consiglieri: Internet è un diritto e il suo accesso deve essere garantito a tutti, come garantiamo l’utilizzo delle strade, dei marciapiedi, dell’acqua pubblica dalle fontane, della luce nelle strade. Spero con tutto il cuore per la vostra credibilità di amministratori della seconda città della provincia di Verona che l’indicazione dell’esistenza di COSTI per accedere ad internet in biblioteca e nella piazza antistante sia un refuso, un errore.

Non serve fare tanti km per vedere un esempio pilota a livello Europeo: il Comune di Verona ha la superficie urbana (in continua espansione) di copertura più ampia tra le città italiana con WIFI LIBERO E GRATUITO PER TUTTI, permettendo la navigazione nelle strade, nelle piazze, nelle biblioteche, nelle scuole, nei parchi, allo stadio.

L’accesso internet libero e gratuito per tutti era e rimane una delle nostre 5 stelle. Ora più che mai. SVEGLIA VILLAFRANCA.

Dal programma della Lista Civica Grillo per Villafranca

Connettività: accesso internet gratuito nella sede comunale, nelle delegazione di Dossobuono, nel Centro Sociale di Villafranca e nelle sale civiche delle frazioni, in tutti i centri di aggregazione giovanile; piano comunale di accesso internet attraverso la tecnologia WiMax su tutto il territorio.

Carlo Reggiani
Grillo per Villafranca
http://villafranca5stelle.org

Villafranca ed i finanziamenti europei: un’occasione persa

4 ottobre, 2010

Durante il consiglio comunale della settimana scorsa abbiamo appreso che Villafranca, insieme con i comuni di Sona, Valeggio, Sommacampagna e Bussolengo, stanno partecipando, attraverso la Regione, ad un bando europeo per ricevere finanziamenti di progetti per la promozione del nostro territorio attraverso la creazione di piste ciclabili e aree verdi, percorsi enogastronomici, promozione del turismo, sistemazione e manutenzione degli edifici di pregio architettonico e artistico.

La domanda preliminare il progetto, è già stata accolta dalla regione. La somma che arriverà come finanziamento, una volta vinto il bando, sarà per il nostro Comune di 400.000 euro (1.2 milioni in totale). Il finanziamento dei progetti sarà parziale, con una percentuale a carico del Comune a seconda del tipo di progetto: 25% per restauri, 30% per percorsi cicloturistici, 50% per promozione turistica.

Il tecnico consultente che sta curando la stesura dei progetti, illustrando il suo lavoro, ha raccontato che, tra gli ambiti a disposizione per ricevere i finanziamenti, c’era la possibilità di scegliere anche il  risparmio energetico e le fonti rinnovabili. L’assessore Adami, sentento salire dal pubblico il rumore di disappunto per l’esclusione di tale tema nelle scelte fatte dai politici dei 5 comuni, ha tentato di spiegare che si potevano fare poche cose con quei finanziamenti nel campo del risparmio energetico e che quindi hanno preferito la promozione turistica.

Caro assessore Adami e sindaco Faccioli, purtroppo abbiamo capito bene la limitatezza della politica che queste amministrazioni riscono a mettere in campo. Dopo aver perso più di tre anni per decidere di attivare il porta a porta per la gestione dei rifiuti a Villafranca, ora siamo a rivendicare tre anni di richieste ed offerta di disponibilità a collaborare alla stesura di un piano energetico comunale (PEC), necessario per far decollare anche nel nostro territorio una responsabilità diretta nella sfida mondiale per il superamento dell’energia di origine fossile.

Per non parlare della necessità di ripensare al modo con il quale facciamo agricoltura nei nostri territori: in un periodo nel quale l’agricoltura è in perenne sofferenza e alla ricerca di nuovi modelli (vedi filiera corta e minor impatto inquinante sull’ambiente per evitare altri casi atrazina e nitrati nei nostri rubinetti), non si vedono iniziative che, oltre a valorizzare i nostri prodotti come la pesca, cerchino di dare un impulso verso una decisa conversione al biologico. Se si volesse davvero, potremo trasformare tutta la produzione italiana in biologico, oggi!

E invece si continua a scegliere il profilo basso, il continuo rimando a enti superiori che devono decidere per noi mentre oramai è chiaro che i cittadini e i loro amministratori saranno sempre più responsabili diretti del proprio territorio sia in termini di tutela che di modello di sviluppo.

Ci riempiamo tanto la bocca di parole come “federalismo” e “autonomia”, per poi ridurci a scegliere i seppur favolosi  tortellini, sfogliatine e vino Custozza invece di politiche di risparmio energetico negli edifici, sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili, riduzione impatto sull’ambiente del mondo agricolo!

L’ennesima brutta pagina di questa politica incapace di reagire alle sfide del nostro tempo. Siamo convinti che si possa fare di meglio, magari prendendo spunto dai Comuni Virtuosi!

PS: proviamo a recuperare un qualche senso nell’usare questi soldi pubblici? Rilanciamo il concetto di valorizzazione del territorio e della vocazione turistica attivando la copertura WIFI nei 5 comuni per garantire accesso ad internet gratuito a cittadini e turisti. Esiste il progetto Guglielmo, molto ben implementato dal Comune di Verona grazie all’assessore Di Dio e attivato nei comune di Sommacampagna e Peschiera.

Simone Bernabè e Carlo Reggiani


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: