Archivio dell'autore

Problema dei Rifiuti in Provincia di Verona – Stato dell’arte 1

4 novembre, 2008

La questione rifiuti è un problema sempre più scottante per le amministrazioni e per la politica in generale, ma vissuto spesso da cittadini come un aromento antipatico, noioso; l’assurda situazione di Napoli ha aiutato a far capire quanto invece la gestione dei rifiuti (urbani e industriali) sia è un problema importante per il nostro futuro e per le conseguenze derivanti dalla loro gestione.

Penso che, oltre alle nuove frontiere di recupero e riutilizzo della risorsa rifiuto, sia necessario fare uno stato dell’arte della gestione dei rifiuti nella provincia di Verona. Questo diventa necessario se si vuole dare uno sguardo di insieme e allo stesso tempo entrare nel dettaglio delle problematiche di tutta quella serie di situazioni che ci stanno accadendo attorno, che sono accaduti nel passato e che accadranno nel futuro (inceneritori si/no, nuove cave/discariche, problemi di inquinamento delle falde, lucro a discapito della sicurezza, incremento del traffico pesante, ecc ecc) .

La prima domanda che mi sono posto affrontando questo tema è stata: Quante discariche ci sono nella provincia di Verona? Dove sono?

Devo dire che mi è stato facile trovare le informazioni, sul sito della Provincia ho trovato molti dati. Mi sono reso conto che però queste informazioni non sono di facile analisi così ho pensato di creare la mappa delle discariche della provincia di Verona:

discarichevr


In più abbiamo riassunto in un documento consultabile in rete le principali indicazioni delle cave e discariche di rifiuti urbani e industriali della provincia di Verona a partire dai documenti disponibili sui siti della Regione Veneto e della Provincia di Verona.

Non siamo riusciti a segnalare tutte la discariche della provincia, ma speriamo nel vostro aiuto per aggiustare il tiro di eventuali segnalibri errati e ad aggiungere quelli mancanti: segnalate i siti mancanti, anche se esauriti e magari dimenticati sotto prati e sterpaglie.

Lorenzo Serpelloni

Magalini, nuove da Giorgetti

7 agosto, 2008

L’assessore regionale Giorgetti ha dato nuove direttive per il futuro dell’ULSS 22. In un articolo de “L’Arena” l’esponente di AN ha affermato che il polo a due gambe è troppo costoso e che il baricentro dell’azienda sanitaria si sta spostando più a sud grazie e soprattutto alla futura presenza dell’autodromo. In conclusione sembra che Giorgetti abbia indicato in Villafranca (o subito a sud della città) la posizione per l’unica gamba di questo polo.

Riassunto delle ultimissime puntate precedenti (che noi abbiamo seguito finora):

  1. La regione devia dei fondi destinati al Magalini di Villafranca su Borgo Trento
  2. Il consiglio comunale di Villafranca vota all’unanimità una mozione per avere spiegazioni e rassicurazioni sul futuro dell’ospedale Magalini
  3. Noi scoviamo una delibera della giunta regionale in cui viene delineato un futuro diverso per il Magalini e per l’ospedale di Busslengo; l’idea sarebbe di sostituirli con un unico polo vicino al futuro autodromo (quindi non a Villafranca e non a Bussolengo), realizzato magari in project financing come il nuovo ospedale di Mestre
  4. Il comitato per la riapertura dell’ospedale chiede una presa di coscienza dei problemi legati al Magalini e a maggior attivismo della popolazione Villafranchese.
  5. Articolo su L’Arena con le dichiarazioni di Giorgetti sul futuro polo unico e la risposta dell’assessore Sandro Sandri (suo collega in giunta) che assicura che i soldi spesi per il Magalini finora, non sono stati buttati in quanto il Magalini avrà un futuro (cita l’esperianza padovana di sistema a due gambe)

E adesso cosa succederà? Cosa si devono aspettare i cittadini? Come verranno spesi i NOSTRI soldi? E come verranno utilizzati i soldi che abbiamo già speso per il Magalini e per l’ospedale di Bussolengo?

A sentire Sandri il polo a due gambe costa come un unico ospedale, solo che da anni il polo ha solo una gamba e mezza. L’incendio ha reso la situazione solo più drammatica. Sandri aggiunge che potremmo continuare con questa situazione ancora per 20 anni, cioè aspettando che la gamba che non riceve fondi si atrofizzi così non devono decidere. Cioè il continuo temporeggiare che tuttora stanno portando avanti con questo rimpallo di responsabilità/decisioni.

La politica continua il balletto delle dichiarazioni contrastanti e noi continuiamo ad aspettare servizi degni di una città di 32.000 abitanti ai piedi di un aeroporto!

Lorenzo Serpelloni

PS: gli ospedali della ULSS 22 stanno già sparendo! Sicuramente dagli elenchi del telefono!!!!

Gestione del Verde Pubblico

5 maggio, 2008

GSI aree verdi

Tra le tante risposte di affetto e/o critica pervenute al sito vogliamo riproporne una che a parer nostro merita di essere trasformata in discussione. Ci ha incuriosito il tema della risposta e chiederemmo al diretto interessato di spiegare in cosa consiste la sua nomina e i suoi incarichi. L’amministratore di G.S.I. Srl Magalini penso faccia riferimento a questo nostro comunicato.

Per precisare la nostra posizione: per quel che riguarda l’incuria del verde pubblico intendiamo le immondizie che si possono trovare sugli argini del Tione e nello stesso letto del fiume. Mentre per le farmacie vogliamo rendere noto un fatto: i farmaci equivalenti (o più comunemente chiamati “generici”) non sono adeguatamente pubblicizzati nella farmacia comunale e alcuni di essi devono essere addirittura ordinati, mentre il farmaco di marca è sempre a disposizione. Non è polemica è solo un dato di fatto, poi possiamo analizzare assieme le cause e discuterne serenamente.

Giannino Magalini scrive:

Sono l’amministratore unico di GSI Gestione Servizi Integrati srl
società di proprietà dell’amministrazione comunale di Villafranca.
Gestisco le Farmacie Comunali, il verde pubblico e le centrali termiche.
Ritengo del tutto gratuito e strumentale quanto letto sul Vs.
volantino in quanto sia le farmacie comunali che il verde pubblico
sono gestiti in modo professionale ed efficiente con soddisfazione sia
del personale che dell’utenza. Ho la prova di quanto affermo da
lettere di privati cittadini, a mail, ecc. Che poi esistano gli
scarichi abusivi non è compito mio ma affermare che il verde pubblico
è abbandonato nell’incuria è pura ipocrisia.
Ho conosciuto il Vs. candidato sindaco sig. Reggiani (che abita a 100
mt. da casa mia, e mi ha fatto una buona impressione, ma denigrare il
lavoro degli altri non lo accetto.
A disposizione per ogni chiarimento,
Giannino Magalini
amministratore@gsi.vr.it

commento originale (guardare in fondo)

I Dati Nazionali da Villafranca

14 aprile, 2008

Inserisco alcune elaborazioni sui dati di Villafranca di Verona. Sono solo i dati delle elezioni nazionali. Sono tutti i voti che ogni partito ha ricevuto dalla cittadinanza.  Chiedo scusa se i colori in certi non sono molto chiari, ma per celerità ho lasciato quelli di “default” del foglio di calcolo.

elezioni2008

Per maggior dettaglio allego anche i pdf che il comune di Villafranca ha rilasciato e che, per chi come me non usa Internet Explorer, non può scaricare dal sito del comune.

polamm08_camdep08_votidilista_analitica_senzaconfronto_area_comune

polamm08_senrep08_votidilista_analitica_senzaconfronto_area_comune

polamm08_xcamdep08_voticoalizione_sintetica_senzaconfronto_area_comune1

polamm08_xsenrep08_voticoalizione_sintetica_senzaconfronto_area_comune1

ps: dato il numero rilevante di numeri vi chiedo di perdonare anche eventuali errori i quali sono certamente involontari. Se li rilevate, fateli notare così verranno corretti il prima possibile.
 

Volantino con nuova impaginazione

27 marzo, 2008

Ecco il volantino con la nuova impaginazione Programma Amministrative aprile 2008 corretto

Il Nostro Simbolo

9 marzo, 2008

logo_small.jpg Ecco il nostro simbolo

Il Nostro Programma per Villafranca

9 marzo, 2008


Presentazione e Programma della “Lista Civica Grillo per Villafranca”

Presentazione

La Lista Civica Grillo per Villafranca nasce dall’esperienza del Gruppo Amici di Beppe Grillo di Villafranca: il gruppo si è costituito subito dopo lo spettacolo di Beppe Grillo nel Castello Scaligero del 17 settembre 2007. Lo spettacolo nella nostra città è stato tra i primi dopo la manifestazione del V-Day promossa dallo stesso Grillo l’8 settembre 2007: durante quella giornata in tute le piazze d’Italia sono state raccolte 350.000 firme a sostegno di una legge di iniziativa popolare per pretendere un “Parlamento Pulito”. Dalla piazza di Bologna Grillo ha anche lanciato l’idea di creare liste civiche certificate dal blog in tutte le amministrazioni comunali e regionali per dare un segnale concreto della volontà di cambiare il modo di fare politica nel nostro Paese. Il nostro Comune ha anticipato di qualche mese la grave crisi politica che si è poi manifestata anche a livello nazionale: dallo scorso 9 ottobre 2007 il nostro Comune è retto da un commissario prefettizio, chiamato a gestire la città dopo che l’intera classe politica locale ha lei stessa dichiarato il proprio fallimento, ammettendo di non essere in grado di governare la città neppure nei mesi necessari per organizzare le elezioni anticipate! Il Gruppo “Amici di Beppe Grillo di Villafranca” in questi primi mesi del 2008 ha maturato la consapevolezza di poter offrire una alternativa rispetto alla politica dei “soliti noti”, una proposta che parte dai requisiti di traparenza proposti da Beppe Grillo (Liste civiche certificate dal Blog) e che si schiera senza incertezza dalla parte dei cittadini e fuori dai partiti.La trasparenza degli atti amministrativi è l’impegno morale di questa Lista Civica: rendere “leggibili” i bilanci per far comprendere a tutti i cittadini come vengono spesi i soldi pubblici, illustrare le delibere e gli indirizzi strategici attraverso un portale accessibile su internet e aggiornato puntualmente, attraverso il quale i cittadini possono intervenire con i loro suggerimenti e le loro critiche.La proposta della “Lista Civica Grillo per Villafranca” si basa sulla discussione di questi mesi portata avanti dal Gruppo “Amici di Beppe Grillo di Villafranca” sui temi della gestione rifiuti, inquinamento dell’aria, risparmio energetico negli edifici pubblici e privati, qualità dell’acqua pubblica, mobilità e trasporti pubblici, connettività internet. I temi sono comuni ai gruppi che si sono costituiti anche in altre città italiane e che sono poposti e discussi sul blog nazionale di Beppe Grillo. La lista è composta da fondatori del “Gruppo Amici di Beppe Grillo di Villafranca” e da cittadini di tutte le età ed estrazioni sociali: studenti, insegnanti, professionisti, lavoratori dipendenti, agricoltori, pensionati. Nella storia di ogni candidato c’è l’impegno a dedicare parte del proprio tempo e delle proprie competenze per il bene comune, per migliorare la propria città e il proprio territorio, con umiltà ed entusiasmo.Un impegno deciso e combattivo per la città di Villafranca, nello spirito degli “Amici di Grillo” consapevoli di essere “alternativi ai partiti”, “di prediliggere le cose da fare rispetto le poltrone da occupare” e “attenti a tutelare i Diritti Civili”, motivati a lavorare per

  • SALUTE – individuale (assitenza ospedaliera adeguata) e collettiva (tutela dall’inquinamento urbano)
  • SICUREZZA – urbana (controllo attento del territorio) e dell’ambiente (pianificazione territoriale e mobilità)
  • SVILUPPO – economico (eco-sostenibile volto al risparmio), culturale e delle attività sportive e ricreative per i giovani

Programma

Come Lista Civica ci troviamo in sintonia con le proposta avanzate da Liste Civiche (certificate da Beppe Grillo) nate in queste settimane anche altri Comuni, che propongono un “Comune a 5 stelle”, in grado quindi di migliorare la vivibilità della città con interventi concreti di politica amminstrativa in tema di Mobilità – Rifiuti – Energia – Acqua – Connettività. Queste le proposte programmatiche sui 5 temi principali:

  • Mobilità: introdurre un “EcoPass” per il trasporto pesante di attraversamento (da estendere progressivamente a tutto il traffico commerciale sopra le 3.5 ton e ai SUV), in grado di rendere economicamente sconveniente il passaggio per le vie comunali rispetto all’autostrada. I proventi dell’EcoPass serviranno a finanziare servizi gratuiti di navetta dalle frazioni verso il centro di Villafranca e l’ospedale e incentivi per conversione a metano/gpl.
  • Rifiuti: estendere subito la raccolta porta-a-porta in sperimentazione nelle frazioni di Alpo e La Rizza con l’obiettivo di aumentare velocemente la percentuali di raccolta differenziati e diminuire progressivamente la tariffa pagata dai cittadini; la tariffa è infatti calcolata in base alla quantità di rifiuti conferiti in discarica. L’amministrazione attuerà contemporaneamente strategie di coinvolgimento della grande distribuzione e dei produttori per limitare gli imballaggi e aumentare il riciclo; gli sforzi tenderanno a centrare l’obiettivo di “rifiuto zero” entro il 2012.
  • Energia: introduzione vincoli di progettazione di edifici a basso consumo di energia su tutto il territorio comunale, incentivazione della realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili (solare termico, fotovoltaico, geotermico, biomasse), semplificazione e incentivazione degli interventi per la riqualificazione energetica degli edifici privati esistenti, piano di riqualificazione energetica degli edifici pubblici.
  • Acqua: inserire i dati della qualità dell’acqua dell’acquedotto pubblico nelle bollette, aumentare il numerno dei punti di prelievo e la frequenza delle analisi, incentivare l’uso dell’acqua pubblica per l’uso potabile, piano per riutilizzo acqua piovana per irrigazione giardini pubblici.
  • Connettività: accesso internet gratuito nella sede comunale, nelle delegazione di Dossobuono, nel Centro Sociale, in tutti i centri di aggregazione giovanile; piano comunale di accesso internet attraverso la tecnologia WiMax sia per il comune che per le frazioni.

Sui temi specifici di Villafranca i nostri impegni sono:

  • Ospedale: impegno per la riapertura del pronto soccorso al Magalini, per ripristinare i servizi essenziali per i cittadini riportando l’Ospedale almeno al livello di servizio precedente all’incendio. La ricostruzione dell’Ospedale è in grave ritardo e inadeguata per le esigenze della popolazione di Villafranca e del comprensiorio: questa Lista Civica lotterà per far impiegare i nuovi finaziamenti in un NUOVO ospedale distrettuale, valido per la comunità di 70.000 residenti da Isola della Scala a Valeggio, affinché sia ubicato in prossimità della nuova viabilità, in un sito non rumoroso e dotato di spazi sufficienti in parcheggi e verde.
  • Inquinamento aria: fare installare da ARPAV una centralina fissa per il PM10
  • Comunicazione: apertura “Sportello del Cittadino”, consulte di frazione
  • Giovani: agevolare l’accesso a impianti sportivi, creare centri di aggregazione, cinema e teatro, aumentare la disponiblità di spazi per le associazioni
  • Anziani: aumento agevolazioni per ricovero in casa di riposo per anziani con reddito da sola pensione
  • Sicurezza: più presenza sul territorio dei vigili urbani per contrastare i furti durante il mercato settimanale e al cimitero; stazione dei vigili del fuoco a Villafranca per emergenze aeroporto.

Scarica il Pdf del programma: Programma Amministrative aprile 2008

Lavori in Corso

4 marzo, 2008

Dopo il meetup e la Lista civica adesso parte anche il blog! Stiamo lavorando per renderlo attivo al più presto!!!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: