Zone verdi a Villafranca

by
Parco giochi via Isonzo

Serviva proprio una giornata mondiale del gioco, per vedere finalmente utilizzato il parco giochi di via Isonzo.

Passando per il mio solito giro in bici sul Tione,  mi sono fermato Sabato pomeriggio con piacere a vedere quanto si stavano divertendo i tanti bambini che sono accorsi per l’evento organizzato dall’associazione “Gioco anch’io”.

Dobbiamo assolutamente aumentare questi “polmoni” cittadini indispensabili per la nostra città.  Villafranca ha molto traffico di attraversamento sia su gomma che aereo e  le zone verdi per i cittadini si contano sulle dita e non sono mai abbastanza.

Sevono molte più piante in una città come la nostra, per assorbire un pò di tutto quello smog che immettiamo in aria. In questi giorni è comparso fra l’altro sull’Arena, un articolo sulla situazione  di degrado dell’area intorno al castello, alla quale il comune non ha dato risposte confortanti.

Nel frattempo il “mezzo” parco del Tione giace ancora in uno stato di abbandono: le fontanelle non sono funzionanti e l’erba è da tagliare.

Perciò abbiamo deciso di fare un’istanza al sindaco mario Faccioli.

Simone Bernabè

Annunci

Tag: , , , , ,

4 Risposte to “Zone verdi a Villafranca”

  1. Lorenzo Says:

    I polmoni verdi sono essenziali. Qui al nord (europa) ci sono un sacco si parchi, giardini, zone verdi dove bimbi, ragazzi, giovani e meno giovani si trovano per passare qualche ora immersi nella natura. Dobbiamo imitare queste politiche di urbanizzazione, magari case più piccole ma molti più spazi per l’aggregazione e per il contatto con la natura.

    ciao Lorenzo

  2. Elìa Says:

    Si sta decidendo il Pat di Villafranca, intanto estese zone verdi URBANE (ad esempio l’ampia area di 200.000 mq del q. Madonna popolo -che fiancheggia la bretellina per Valeggio) inserite dalla Regione nell’approvare il PRG/1994 vigente, restano ai confini del capoluogo e sembra che siano già oggetto si speculazioni fondiarie…

    Elìa

  3. marisa Says:

    Mio Dio no! Ancora cemento… non se ne può più. I parchi giochi della zona sono in abbandono da tempo, la pista ciclabile è monca e sembra un avamposto di frontiera verso il nulla, (secondo me girare in bici a Villafranca non è consigliabile) manca solo che urbanizzino anche quella fascia di verde utilizzato per ora dai cani al … pascolo… e poi? Gli alberi, dove ci sono, vengono tolti (vedi Via Nino Bixio)… non ho parole, altre.

  4. Elìa Says:

    Marisa, hai fatto bene a ricordare che una ventina di pini (anche se in buona parte malconci) di via N. Bixio furono tagliati in fretta e furia nel corso della scorsa campagna elettorale regionale (sarà un caso?) con delle scuse ridicole come, “erano malati”, “si dovrà ssitemare la via con una rotonda per l’accesso auto a Villafranchetta”, ecc.
    >>>Mi chiedo invece, qual’era la vera ragione?

    La mia sensazione da tempo è che dalla maggioranza della cittadinanza manchi la SENSIBILITA’ verso il verde pubblico, le zone pedonali/piazze e arredo urbano, le piste ciclabili e una diversa mobilità cittadina.
    Per cui non c’è da meravigliarsi per alcune dichiarazioni del nostro sindaco Supermario, “il parco urbano non serve, costa mantenerlo e crea insicurezza”, mentre che dire dell’assessore all’Ecologia Adami -Lega nord- (che stimavo molto), non riesco a capire cosa e quanto faccia nella gestione rifiuti/isola ecologica del comune e a sostegno del 1/2 parco pubblico inagibile da oltre un anno!

    Saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: