E se succedesse a Villafranca?

by

20090901CorriereIncidenteCatullo

Ore 22.10 del 1 settembre 2009 – Corriere della Sera

Airbus diretto a Fiumicino urta la pista
di Verona durante il decollo: danni

Colpita la carlinga posteriore: l’aereo è rimasto a terra. Inchiesta dell’Agenzia nazionale per la sicurezza sul volo

ROMA – Attimi di terrore all’aeroporto Catullo di Verona. Un Airbus A320 in fase di decollo ha urtato la pista con la parte posteriore della carlinga riportando danni alla struttura. L’aereo, che era diretto allo scalo romano di Fiumicino, non ha potuto proseguire il volo. L’incidente è avvenuto martedì e l’agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) ha aperto subito un’inchiesta tecnica.

ANALISI DELLE SCATOLE NERE – «In fase di decollo, al momento del distacco dal suolo – ha spiegato Ansv – l’A320 urtava la pavimentazione della pista con la parte posteriore, riportando danni alla struttura dell’aereo stesso. Alla luce dei danni riportati, l’evento è stato classificato quale incidente». L’Agenzia ha reso anche noto che un team investigativo sta raggiungendo Verona per «espletare un primo sopralluogo operativo ed acquisire i registratori di bordo», le cosiddette scatole nere.

Mentre la “politica” mette in scena un teatrino inqualificabile (non uso parole tipo “VERGOGNA”, altrimenti vengo tacciato di demagogia poco costruttiva) sulle sorti dell’ospedale Magalini ad oggi inutile per gestire qualsiasi emergenza, migliaia di cittadini di Villafranca e Sommacampagna vivono quotidianamente sotto un rischio purtroppo non trascurabile, con strutture di pronto intervento e soccorso tutte da verificare soprattutto in previsione dei milioni di viaggiatori (e relativi migliaia di voli aggiuntivi) che si aggiungeranno nel nostro scalo, attratti dal Motorcity.

Stasera qualcosa non ha funzionato sul volo per Roma. Anche a Madrid qualcosa andò storto esattamente un anno fa. Ora che l’aeroporto è diventato civile, possiamo avere finalmente qualche verifica sull’impatto di questa infratruttura sul nostro territorio?

Ma soprattutto, oltre alla questione sempre irrisolta dei documenti di VIA e VAS mai prodotti per il Catullo, è vero che il Piano di Rischio dei Comuni dell’intorno aeroportuale deve essere ancora integrato nei piani regolatori?

Carlo Reggiani

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , ,

3 Risposte to “E se succedesse a Villafranca?”

  1. Bernabe' Simone Says:

    Mentre la burocrazia rallenta lo stanziamento di soldi per la sanità pubblica,
    nel momento in cui arrivano i finanziamenti stiamo ancora discutendo su come spenderli, la politica veronese è incapace di raggiugere un accordo su un fattore cosi importante quale l’ospedale.
    Cosa più grave, ancora una volta i cittadini non sono partecipi di scelte cosi importanti per il loro territorio.
    Non abbiamo ancora detto abbastanza su questo argomento?
    Allora io penso, chi deve decidere decida! e si prenda le sue responsabilità, finiamola di andare sui giornali una volta con il polo unico e una volta con il polo a due gambe.
    Una città come Villafranca con un aeroporto dovrebbe essere pronta a qualsiasi evenienza. Quanto andremo avanti ancora?
    Oggi è uscita anche l’ipotesi del polo unico tra Affi, Cavaion e Pastrengo.

    http://beppegrillo.meetup.com/482/it/messages/boards/thread/5095922/40#30174812

    Penso che siamo arrivati ad un limite insopportabile!

  2. Beniamino Sandrini Says:

    In merito a quanto accaduto all’Aeroporto Catullo, aspettavo di avere nuove notizie e di reperire informazioni più tecniche, ma domani pubblico un messaggio sul mio blog… perchè da subito, ricordando l’incidente dell’Antonov del 1995, avevo formulato una ipotesi che mi girava in testa (e che sarebbe grave) ma che dovevo e che volevo prima verificare meglio…
    Una ipotesi però che qualcuno ha già ipotizzato come risulta descritto in questo messaggio:
    http://www.aereimilitari.org/forum/index.php?showtopic=12758&mode=linearplus

    Ho fatto una ricerca e ho scoperto che l’aereo (A320) è della compagnia charter Balkan Holidays che viaggia per conto di Air Vallee. Secondo prime fonti dell’aeroporto di Verona, la causa del Tail Strike è dovuta ad un cattivo bilanciamento dei pesi, conseguente al fatto che l’aereo proveniente da Hurghada (Egitto) era solo in scalo a Verona, avendo infatti Roma come destinazione finale. Il problema nasce quando vengono sbarcati tutti i bagagli dei passeggeri che scendevano a Verona, i quali erano stati interamente dislocati nella stiva anteriore dell’A320, mentre quelli dei passeggeri per Roma nella stiva posteriore. Evidentemente non aver ridistribuito i pesi ha causato uno squilibrio nel bilanciamento dell’aereo….cha ha portato all’errore del pilota.
    Per intenderci il fenomeno del Tail Strike è questo:
    http://www.youtube.com/watch?v=pwQMXz9PbrY (B-777 in decollo)
    http://www.youtube.com/watch?v=vRin-iBj_Vs…feature=related (Md-80 in atterraggio)
    Gli aerei moderni non sono dotati di un sistema che eviti il tail strike (c’è solo un avviso visivo e sonoro che invita il pilota al “pitch”, picchiare), ma hanno un sistema meccanico: una specie di sci che evita il contatto con l’asfalto. Se l’Airbus in questione (un A320) ha sofferto danni strutturali, evidentemente il tail strike è stato molto duro…
    .
    Una mia domanda, se questa ipotesi sarà confermata vi sono colpe della società Catullo, visto che la gestione dei bagagli è di sua competenza?

  3. Beniamino Sandrini Says:

    Ho scritto qualcosa su questo argomento in questo messaggio: Catullo, le possibili analogie tra Airbus 320 e Antonov 24 (un’analogia… già pensata) accessibile su questa pagina web: http://vivicaselle.blogspot.com/2009/09/catullo-le-possibili-analogie-tra.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: