Le banche ci spiegano la crisi finanziaria.

by

Mercoledì 29 ottobre, alle ore 20.45 nella sala al primo piano di Palazzo Terzi a Sommacampagna, Giovanni Sartori direttore Generale Banca Valpolicella, Marco Spadini direttore Generale Eurobanca del Trentino, Riccardo Milano responsabile relazioni culturali Banca Etica hanno relazionato sulla crisi finanziaria che da qualche settimana ha messo tutti noi cittadini e i nostri risparmi in prima linea.

Dopo un’introduzione storica su come sono nate le banche partendo dai Francescani nel medioevo, siamo entrati nel merito del tema: la nostra economia è molto diversa da quella americana fondata sul risparmio, al contrario dell’America dove i cittadini sono stati forzati a spendere anche ben oltre le loro possibilità. Si è poi finalmente arrivati dell’affidabilità delle banche italiane e del fondo interbancario (una sorta di accordo fra banche nel quale ogni aderente si impegna ad intervenire nel caso in cui una o piu delle stesse si trovi in difficoltà economico/finanziaria per non dire fallimento) e di come noi correntisti possiamo considerarci al sicuro da questa crisi.

Non tutti i cittadini sono dei maestri della finanza, ma se ci fermiamo a pensare un secondo, per vedere se una cosa è vera o falsa, basta prendere un’affermazione e fare la giusta domanda. Siamo stati recentemente ad un incontro gratuito organizzato dal meetup di  Creazzo dal titolo “Economia di carta“. Abbiamo potuto conoscere Eugenio Benetazzo, un giovane operatore finanziario indipendente considerato solo marginalmente dalla maggiorparte di tv e giornali: da anni Benetazzo sta lanciando avvertimenti sulle dimensioni di questa crisi, tentando di farci aprire gli occhi su questa grande crisi globale che ora si sta concretizzando.

Benetazzo ci ha parlato di questo fondo interbancario di garanzia e di come in realtà in Italia questo fondo sia un cassetto vuoto: i soldi per avere questa garanzia sui conti correnti fino a 103.000 euro non ci sono! Contrariamente a quanto accade negli altri paesi europei, il fondo non viene effettivamente alimentato con liquidità dalle banche, bensì si tratta di un accordi di muto soccorso tra istituti di credito nel caso di qualche problema di un singolo istituto. Dopo aver ascoltato questo a Creazzo, quale migliore occasione di una serata dove erano le banche a risponderci su questa crisi?

Carlo Reggiani, ormai penso lo conoscete, ha rivolto alle banche per noi cittadini questa  domanda:

I soldi che devono garantire i conti correnti con il fondo interbancario vengono versati ogni anno dalle banche aderenti o sono solo una sorta di accordo?

I direttori di banca presenti ieri sera hanno dovuto confermare che le cose stanno così, tra la sorpresa generale del pubblico in sala. Questa e numerose altre questioni sono emerse in questa serata, ma non voglio dilungarmi vi lascio ai video che verranno pubblicati a breve in questo spazio, non mi resta che augurarvi una buona visione.

Vodpod videos no longer available.

Come Gruppo Grillo per Villafranca ci stiamo attivando per organizzare una serata sul tema anche a Villafranca: abbiamo già invitato Eugenio Benetazzo e stiamo contattando altri relatori per aiutarci ad affrontare questo “caldo” e importante  tema che vede coinvolti i nostri risparmi come correntisti in primis, ma anche la gestione del nostro Comune e delle sue finanze… insomma sempre e comunque soldi nostri!

Simone Bernabè

PS: vi invito ancora una volta a guardarvi il dvd che ho trovato su Youtube: BlekGek di Eugenio Benetazzo. Siete sempre invitati a commentare su questo spazio.

Annunci

Tag: , , , , , , ,

11 Risposte to “Le banche ci spiegano la crisi finanziaria.”

  1. Luca B. Says:

    Scusate ma potreste anticipare, in qualche sezione del sito, quando ci sono questi convegni? A me piacerebbe partecipare ma spesso vengo a saperlo troppo tardi. Grazie

  2. Bernabe' Simone Says:

    Puoi fare tre cose:

    Iscriverti al meetup di Villafranca:
    http://beppegrillo.meetup.com/it/register/

    Sottoscrivere la tua e-mail al blog:
    http://www.feedburner.com/fb/a/emailverifySubmit?feedId=1986558&loc=en_US

    Oppure abbiamo la terza opzione:
    Guardarti gli incontri comodamente da casa, perchè di solito tutti gli eventi finiscono su questo blog (I commenti sono sempre graditi).

    Se puoi la cosa ti ispira e vuoi darci anche una mano la porta è sempre aperta per tutti i cittadini volenterosi!

  3. Elìa Says:

    Cari Simone, IVO e Carlo,

    Benetazzo sarebbe un bel colpo per un CONVEGNO (io l’avevo proposto per un sabato mattina, o un venerdì sera all’Auditorium), c’è pure la disponibilità di Daniele Del Maestro, ci vorrebbero pure un politico e un bancario locali.
    Da Benetazzo ci sono molti spunti polemici e di grafica promozionale per una locandina e un volantino.

    CRISI FINANZIARIA & “…la gestione del nostro Comune e delle sue finanze… insomma sempre e comunque soldi nostri!” (come scrivi tu)

    Ma dobbiamo attivarci in fretta altrimenti perdiamo l’efficacia dell’attualità.
    Oggi Ivo chiederà notizie della nostra istanza il segretario comunale.

    Programmiamo per i primi giorni della settimana una serata organizzativa del nostro gruppo (al Brasil non il martedì) e diamo la precedenza anche se ci sarà la contemporaneità con un consiglio comunale.

    Elìa

  4. carloreggiani Says:

    Elia: la precedenza ASSOLUTA e’ per i consigli comunali: oltre al servizio di ripresa e pubblicazione sul blog, il sindaco e il segratario stamattina ci hanno confermato che avremo risposte alle nostre istanze durante il prossimo consiglio. La data non e’ ancora stata fissata, ma sara’ sicuramente entro meta’ novembre.

    Ci troveremo la settimana prossima (faremo un Meetup!) per organizzare la serata sulla crisi finanziaria. Novembre sara’ un mese molto importante: abbiamo bisogno di tutti voi!!!! Partecipate al meetup: http://beppegrillo.meetup.com/482/

    Ci troveremo anche per definire le nuove istanze e proposte di delibera che stiamo preparando insieme ad altre citta’ in giro per l’Italia!

  5. Luca B. Says:

    Grazie Simone per i consigli

  6. denis Says:

    c’ero anch’io e sinceramente mi aspettavo qualcosa di piu’.comunque nessuno dei banchieri presenti ha venduto carta straccia diciamo,per non dire bidonate ha noi cittadini,che ce ne intendiamo poco di finanza anche perchè hanno detto che loro sono cattolici e non tromberebbero mai i poveri cristi!

    p.s.
    la colpa è nostra se ci hanno trombato tutti i risparmi secondo i banchieri,perchè è impossibile che noi non sapevamo in che modo avevamo investiti i soldi……….insomma siamo cornuti e cazziati.!

  7. Elìa Says:

    Perfetto DENIS, hai scritto quello che pensavo anch’io quella sera..

    I bancari non hanno ancora capito che gli IMPUTATI della CRISI sono proprio loro, coordinati ai vertici dalla lobby dei banchieri d’assalto e dagli amici speculatori.
    E credo pure che valga una riflessione sulla provocazione del dott. Milano della BANCA ETICA che ha posto a tutti i presenti l’interrogativo cosa significa “etica” (quasi che non avesse significato per una banca) e… nessuno ha preso la parola…..

    Elìa

  8. Luca Says:

    Cari amici, sono Luca, coordinatore dei soci di Banca Etica di Verona e vi ringrazio per aver partecipato alla serata e per la vostra opera di divulgazione attraverso la rete. Ero anch’io presente alla serata come organizzatore e devo dire che il mio amico Riccardo Milano è quello in assoluto che si è spiegato meglio e che aveva le cose migliori da dire, perchè la finanza etica è l’unica alternativa possibile a questo sistema economico in crisi, infatti per noi questo è un periodo di boom. Fra l’altro MIlano conosce molto bene e collabora con Daniele Dal Maestro, per questo quando organizzerete il prossimo incontro con lui a Villafranca sulla crisi ci terremmo ad esserci anche noi di Banca Etica. Potete contattare direttamente sia me alla mail sopraindicata che il Dr. Milano alla sua mail: rmilano@bancaetica.it.
    GRazie e a risentirci.

  9. Luca Says:

    Dimenticavo. Alla domanda posta dal Dr. Milano su cosa sia l’ETICA, non è vero che nessuno ha preso la parola. Infatti, durante la discussione finale, io mi sono alzato e ho detto che cosa è l’etica per noi che sosteniamo un banca che ne porta addirittura il nome. Per noi l’Etica, in campo economico-finanziario, è una grande attenzione alle ricadute umane, sociali e ambientali dell’agire economico. Per noi la vita e le persone vengono prima del profitto, il denaro è un mezzo e non un fine e l’interesse più alto è quello di tutti. Questa, in sintesi, è l’etica della Banca Etica. E non credo che l’etica degli Amici di Beppe Grillo sia tanto diversa!

  10. Luca Says:

    10 motivi per credere e investire nelle azioni di BANCA ETICA:

    1) Perchè sono azioni sicure, sono sicuro di non perdere soldi e di guadagnare un mondo migliore.
    2) Perchè Banca Etica crea valore sociale e ambientale in una maniera economicamente sostenibile.
    3) Perchè posso partecipare alle scelte della banca e sapere cosa fa con i mieie soldi.
    4) Perchè finanzia le cooperative sociali che operano sui terreni confiscati alla mafia.
    5) Perchè è la banca più conveniente e innovativa nel finanziamento delle energie alternative.
    6) Perchè fa microcredito pensando non che sia un credito piccolo, ma il credito rivolto agli “ultimi”.
    7) Perchè sostiene il commercio equo, l’agricoltura biologica, il consumo critico, la sobrietà, la decrescita.
    8) Perchè il credito è un diritto umano e la banca dà credito, ovvero fiducia, a chi normalmente non ha accesso al credito.
    9) Perchè non mi propone nessun derivato.
    10) Perchè l’interesse più alto è quello di tutti.

  11. Elìa Says:

    Bene Luca, quella sera io ho dovuto lasciare prima delle ore 11.

    Personalmente mi sto prodigando con gli altri affinché il convegno si realizzi in fretta e credo sia importate la presenza del dr. Milano e del dr. Dal Maestro (mercoledì p.v. ci riuniremo come meetup, ho già suggerito l’ipotesi del giorno per sabato 15 novembre, naturalmente da concordare con i relatori).

    Elìa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: