Alessio Ciacci: Rifiuti Zero e l’importanza dell’utopia

by

[blip.tv ?posts_id=1360452&dest=-1]

L’utopia è come l’orizzonte: cammino due passi, e si allontana di due passi. Cammino dieci passi, e si allontana di dieci passi. L’orizzonte è irraggiungibile. E allora, a cosa serve l’utopia? A questo: serve per continuare a camminare. (Eduardo Galeano)

Alessio Ciacci è il giovane (28 anni) assessore all’ecologia del Comune di Capannori.

Al convegno di sabato scorso sulle buone pratiche nella gestione dei rifiuti (rimando a post e video integrale prodotto da Simone) ha raccontato come nel loro comune si è impostata la strategia per arrivare ad eliminare tutti i rifiuti: riciclare (sono materiale post-utilizzo, come ha ribadito Carla Poli del Centro di Riciclo di Vedelago), ma soprattutto provare a cambiare le abitudini di acquisto e di consumo dei cittadini (acqua del rubinetto, latte e detersivi alla spina, pannolini lavabili, niente piatti usa e getta anche nelle sagre) arrivando a condizionare il modo con il quale le aziende imballano e offrono i loro prodotti.

L’obiettivo del 2020 per raggiungere il risultato “Rifiuti Zero” senza discariche o inceneritori può sembrare un’utopia. Forse è davvero un’utopia credere che sia possibile in così pochi anni convincere le persone a cambiare i loro stili di vita per farli diventare sostenibili dal nostro pianeta. Un’utopia che ha messo in cammino una comunità di 45.000 abitanti e che sta contagiando i paesi vicini.

Un’utopia che a noi piace chiamare Politica, interessata a perseguire fini così importanti da aver bisogno della partecipazione dei cittadini giorno per giorno, della responsabilità individuale di ciascuno di noi.

E i cittadini di Villafranca, verso quali “utopie” stanno camminando?

.

Carlo Reggiani

Annunci

Tag: , , , , , , ,

5 Risposte to “Alessio Ciacci: Rifiuti Zero e l’importanza dell’utopia”

  1. Elìa Says:

    RIFIUTI a Villafranca?
    Vale la frase di Paul Connett: …” Viviamo come se avessimo a disposizione un altro pianeta su cui trasferirci”.
    Una comunità in gran parte passiva su quasi tutti i fronti (anche su viabilità & trasporti, risparmio energetico, sanità e strutture ospedaliere, vivibilità delle scuole superiori, ecc.), solo nell’emergenza si tenta di riparare i danni, ma è quasi sempre troppo tardi.

    Carlo ben detto, non si tratta di UTOPIA (anche se è vero che un “popolo senza Utopie non ha futuro”), ma di POLITICA.
    Quella “buona politica” che vuol dire avere coraggio e idee sane per una corretta programmazione delle risorse per soddisfare i bisogni.

    Ciao Elìa

  2. La decrescita a Villafranca: Serge Latouche « Grillo per Villafranca Says:

    […] Serge Latouche ci ha parlato di utopie? Noi, nel frattempo che cerchiamo una risposta, ci siamo messi in […]

  3. layno Says:

    puo spiegarci meglio del progetto “rifiuti zero”

  4. layno Says:

    Stiamo facendo una ricerca su di lei ci dica qualcosa che non sappiamo perfavore…attendiamo una risposta…

  5. layno Says:

    ci da il suo contatto di msn cosi possiamo comunicare con lei privatamente dalla nostra ricerca per l’esame! grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: