Decrescita, sviluppo sostenibile e stili di vita

by


Riciclare vuol dire prevenire la produzione di rifiuti! Sul blog di Beppe Grillo è stato pubblicato questo video del Meetup di Bologna che parla di cosa può comportare il fatto di consumare latte alla spina piuttosto che acquistarlo in qualche punto vendita già confezionato. Dal video possiamo vedere come al posto di accumulare un sacco di tetrapack e plastica, si può riutilizzare una sola bottiglia di vetro. Ma non guardiamo solo il lato ambientale: attraverso un prodotto fresco, possiamo anche evitare di introdurre nel nostro organismo molti conservanti, insieme al fatto che saltando gran parte della filiera della vendita e del trasporto, abbiamo un prodotto che costa molto meno. Guardiamo bene dentro le nostre case, osserviamo i nostri comportamenti per capire che siamo noi per primi, con il nostro stile di vita, a creare il problema dei rifiuti. Lo stesso esempio del latte possiamo applicarlo per l’acqua (beviamo l’acqua del rubinetto e non nelle bottiglie di plastica), per i detersivi (prendiamoli alla spina riutilizzando il contenitore), per la frutta e verdura (acquistiamo prodotti biologici direttamente dal produttore/cooperative certificate o diventiamo produttori costruendoci un piccolo orto in casa aumentando la qualità in maniera sostenibile), rifiutiamo i sacchetti di plastica riutilizzando borse di tela quando andiamo a fare spesa. Se dobbiamo comprare una nuova auto, indirizziamo la nostra scelta verso impianti a metano/gpl o elettrico. Se abbiamo bambini piccoli, possiamo acquistare pannolini lavabili (la Provincia di Verona ha appena finanziato un progetto per diffonderne l’uso) e sfatare il mito del latte in polvere, facendo il possibile per allattare al seno (il latte che riceve il bambino è impagabile per le sue qualità naturali e digestive). I nostri dipendenti non hanno ancora trovato la soluzione giusta al problema rifiuti, continuano a riproporre l’idea ormai fallita di inceneritori e discariche. Dobbiamo essere noi i primi, a togliere la fonte dei loro problemi, diminuendo ciò che distrugge il nostro territorio e la nostra salute. Vi sembrano grandi scoperte o novità queste? No non credo. Ciò che conta è metterle in pratica nella vita di tutti i giorni. Il cittadino deve pretendere che l’acqua resti pubblica e che ciò che esce dal suo rubinetto sia potabile, oltre che vengano pubblicati i controlli in modo da sapere cosa si sta bevendo. Il comune in contatto continuo con l’ente che gestisce la cosa pubblica, deve assicurarsi di avere le condizioni per mantenerne il corretto controllo. I nostri beni devono essere preservati, non è compito nostro rivedere tutta la filiera della vendita, in modo che vengano eliminati gli sprechi sugli imballaggi e che siano equi i guadagni dal produttore al venditore; il nostro compito però è quello di scegliere non secondo il denaro, ma secondo la qualità di quello che mangiamo. Un appello per la Nostra vita, per la Nostra salute, ma sopratutto per quella dei Nostri figli, cambiare stile, non ci costa proprio tanto, entrare nella mentalità della decrescita e di uno sviluppo sostenibile sicuramente non aumenterà il PIL, ma lo farà la qualità della nostra vita.

Simone Bernabè

PS: nel nostro territorio ci sono tre distributori di latte fresco alla spina: in centro a Villafranca, (via Pace), in periferia Villafranca via Portogallo e in località Casotti di Povegliano, sul confine con Alpo.

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

4 Risposte to “Decrescita, sviluppo sostenibile e stili di vita”

  1. cesare cerchio Says:

    Dato l’aumento di sensibilità dei cittadini verso una crescita economica sostenibile i cittadini sono pronti; i vantaggi dell’approvvigionamento diretto ai prodotti senza passaggi intermedi e confezioni costose inutili è la strada migliore dato che crea cittadini responsabili e permette economie di spesa alle famiglie.

  2. Sara Vallan Says:

    Bisogna eliminare gli imballaggi, oltre al latte alla spina e al detersivo, dovrebbero esserci anche quelli per i cereali, lo zucchero, la farina, e chi più ne ha……

  3. Verona Provincia Virtuosa » Serge Latouce: la decrescita in Valpolicella Says:

    […] il tema della crisi economica con un approccio propositivo, concreto, da applicare con semplicità nella nostra vita di tutti i giorni (meno supermercato e più economia locale negli acquisti di tutti i giorni, mggior uso dei mezzi […]

  4. ciao Says:

    bravi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: